Crisi Ucraina, è il giorno delle sanzioni alla Russia, l'intervento di Biden - QdS

Crisi Ucraina, è il giorno delle sanzioni alla Russia, l’intervento di Biden

web-mp

Crisi Ucraina, è il giorno delle sanzioni alla Russia, l’intervento di Biden

web-mp |
martedì 22 Febbraio 2022 - 20:22

Il presidente Usa, Joe Biden, parla della crisi ucraina e illustra le nuove misure come risposta all'ordine del presidente Vladimir Putin di inviare truppe nelle repubbliche separatiste dell'Ucraina

Si intensifica, ora dopo ora, quello che sembra un botta e risposta fra l’Occidente e Mosca sulla crisi in Ucraina dove la tensione resta alta anche sul terreno.

Il presidente americano Joe Biden ha annunciato questa sera, in un discorso rivolto alla Nazione e al mondo intero, una prima tranche di sanzioni contro la Russia in risposta al riconoscimento delle due repubbliche separatiste in Ucraina. “Sono sanzioni strettamente coordinate con i nostri alleati e partner, ci sarà un’escalation di sanzioni per ogni escalation della Russia”, ha affermato.

Le sanzioni colpiscono istituzioni finanziarie russe, il debito sovrano russo, le elite del paese e le loro famiglie. Vengono colpite la compagnia d’investimenti Veb e la banca militare.

Cosa è successo oggi

Putin torna a parlare e chiarisce, punto per punto, la sua posizione, a partire dal riconoscimento della sovranità dei separatisti che, specifica, è “sull’insieme delle regioni” di Lugansk e Donetsk. Ed è proprio dal riconoscimento delle repubbliche separatiste dell’est Ucraina, che sono partite delle sanzioni contro Mosca. La Germania sospende l’autorizzazione del gasdotto Nord Stream 2, che doveva entrare in funzione a giugno.

Il Cremlino replica: la frenata sul Nord Stream sia temporanea. La Nato: la Russia è passata dalle minacce all’azione militare, siamo in allerta. Putin: soluzione è che l’Ucraina rinunci spontaneamente all’adesione alla Nato. Accordo unanime Ue per sanzioni contro la Russia.

Putin, “accordi di Minsk sul Donbass non esistono più”

“Gli accordi di Minsk” sul Donbass “non esistono più”, ha sentenziato. Questo dopo che il presidente russo aveva chiesto al Senato – e ottenuto in poche ore – l’autorizzazione per l’invio di forze militari all’estero. Quindi il capo del Cremlino ha ribadito: “La soluzione migliore sarebbe che l’Ucraina rinunciasse spontaneamente all’ambizione di aderire alla Nato”. La Ue risponde compatta con un accordo all’unanimità per un primo pacchetto di sanzioni.

Le sanzioni Usa e britanniche

Sanzioni sono state promesse anche dagli Stati Uniti e dal Regno Unito. Quelle britanniche, ha detto il premier Boris Johnson, sarebbero “mirate non solo alle realtà del Donbass, Luhansk e Donetsk, ma nella stessa Russia, prendendo di mira gli interessi economici russi il più duramente possibile”. Londra ha anche minacciato di bloccare l’accesso delle società russe a dollari Usa e sterline britanniche, impedendo loro di raccogliere capitali a Londra, assicurando che gli oligarchi russi non potranno nascondersi da nessuna parte.

Russia evacua il personale diplomatico dall’Ucraina

Il ministero degli Esteri russo ha annunciato che evacuerà il personale diplomatico dall’Ucraina. “La nostra priorità è prenderci cura dei diplomatici russi e dei dipendenti dell’ambasciata e dei consolati generali”, si legge in una nota. “Per proteggere le loro vite e la loro sicurezza, la leadership russa ha deciso di evacuare il personale delle missioni russe in Ucraina, cosa che sarà attuata in un futuro molto prossimo”, è aggiunto.

Il ministro di Kiev, “Mosca vuole rifare l’Urss”

Il Cremlino vuole “resuscitare l’Urss” ha denunciato il ministro della Difesa ucraino Oleksiy Reznikov. E si è rivolto all’esercito: “Ci attendono prove difficili. Ci saranno perdite. Dovremo attraversare il dolore, superare la paura e la disperazione. Ma vinceremo senza dubbio, siamo sulla nostra terra”.

“Riguardo a ciò che avviene sul piano militare, capiamo che non ci sarà la guerra”, ha detto il presidente Zelensky in una conferenza stampa a Kiev. “Non ci sarà una guerra totale contro l’Ucraina e non ci sarà un’ampia escalation dalla Russia. Se ci fosse, metteremo l’Ucraina su un piede di guerra”, ha aggiunto.

Berlino sospende il gasdotto Nord Stream2, cos’è e perché è strategico

Il cancelliere tedesco Olaf Scholz ha bloccato la certificazione del gasdotto Nord Stream 2 per convogliare gas naturale russo in Germania attraverso il Mar Baltico. E ha anticipato che l’Ue è sul punto di adottare sanzioni “massicce e robuste” contro la Russia. Il presidente ucraino, Volodymyr Zelensky, ha chiesto che le sanzioni comprendano l’interruzione immediata del progetto Nord Stream 2.La struttura sottomarina, lunga 1.234 km, permetterebbe di portare 55 miliardi di metri cubi di gas all’anno dalla Russia all’Europa.

La posizione dell’Italia sulla crisi Ucraina

“Voglio esprimere la mia più ferma condanna per la decisione del governo russo di riconoscere i due territori separatisti del Donbass”, le parole di Draghi. L’ex presidente della Banca centrale europea ha stigmatizzato “l’inaccettabile violazione della sovranità democratica e dell’integrità territoriale dell’Ucraina”, confermando l’imminente raffica di sanzioni nei confronti di Mosca.

Draghi ha ribadito i contatti costanti con gli alleati internazionali per tentare di trovare una soluzione pacifica alla crisi, fondamentale per “evitare una guerra nel cuore dell’Europa”. La via del dialogo resta essenziale, dunque, ma non è finita qui. Come evidenziato in precedenza, l’Italia e i partner europei stanno definendo “misure e sanzioni nei confronti della Russia”.

Tag:

Articoli correlati

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684