Caso Decathlon Palermo, perché non è mai nato - QdS

Caso Decathlon Palermo, perché non è mai nato

web-iz

Caso Decathlon Palermo, perché non è mai nato

web-iz |
lunedì 24 Gennaio 2022 - 12:51

Tutte le ragioni dell'occasione mancata a Palermo.

L’assessore comunale Cettina Martorana interviene con una nota in merito “al ‘mancato’ insediamento di Decathlon a Palermo”, sottolineando in una nota che “appare opportuno fornire corrette informazioni circa lo svolgersi della relativa vicenda amministrativa”.

La richiesta del 2012



“Nel 2012 – spiega – pervenne una richiesta da parte del proprietario dell’area cosiddetta ex Coca Cola al fine di insediare un edificio multisala cinematografica e relativi servizi a supporto. Il Suap rilasciò il relativo permesso di costruire, ma da ciò derivò un’indagine della Procura di Palermo sfociata in diversi rinvii a giudizio; questa, infatti, ritenne che la Zona Territoriale Omogenea in cui ricadeva l’area in questione non fosse compatibile con la destinazione commerciale in base al vigente piano regolatore e alle relative norme di attuazione. Da quel momento, di conseguenza, il predetto Suap respinse le istanze analoghe pervenute per la suddetta area, fra cui una prodotta nel 2020 dal proprietario dell’area stessa”.

La decisione del Tar di Palermo

“Successivamente – aggiunge -, il Tar di Palermo accolse il ricorso del proprietario sulla base di una ‘preferibile interpretazione’ delle citate norme di attuazione e, anche il procedimento penale di cui si è detto, si risolveva nel 2021 con l’assoluzione dei dirigenti comunali imputati. La Società proprietaria vinceva, dunque, il ricorso, ottenendo l’autorizzazione alla destinazione commerciale richiesta“.



La porzione ancora disponibile dell’area



“Nel mese di luglio 2021 è stata presentata – con riferimento ad una porzione dell’area in questione – una richiesta di permesso di costruire da parte della LIDL con allegato un preliminare di compravendita tra quest’ultima e la proprietà dell’area – conclude l’assessore Martorana -. Queste le principali vicende che hanno interessato l’area della ex Coca Cola che oggi è parzialmente destinata alla Lidl, mentre per la restante parte rimane ancora disponibile e ci auguriamo che altre aziende continuino a manifestare interesse per la nostra Città”.

“Nelle scelte del Comune di Palermo l’attività è costantemente rivolta, nel doveroso rispetto della normativa, a trasformare l’attrattività conquistata dalla nostra città in concreta presenza imprenditoriale e lavorativa nel nostro territorio”. Così, il sindaco di Palermo Leoluca Orlando, in merito alla vicenda del ‘mancato’ insediamento di Decathlon nel capoluogo siciliano.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684