Dispersione scolastica in Sicilia, Antimafia presenta relazione sui minori

Dispersione scolastica e criminalità in Sicilia, Antimafia presenta relazione sui minori

web-pv

Dispersione scolastica e criminalità in Sicilia, Antimafia presenta relazione sui minori

web-pv |
mercoledì 30 Marzo 2022 - 20:28

Sette mesi di lavoro, 65 audizioni svolte in diverse realtà dell'isola e oltre 100 pagine di indagine per cercare di dare risposta al fenomeno della dispersione scolastica

Dispersione scolastica e “l’insidia” dei modelli culturali proposti dalla criminalità organizzata. Sono questi i temi principali al centro della relazione finale dell’indagine sulla condizione minorile in Sicilia approvata nei giorni scorsi dalla Commissione Antimafia dell’Ars presieduta da Claudio Fava e presentata oggi pomeriggio a Palazzo dei Normanni. Sette mesi di lavoro, 65 audizioni svolte in diverse realtà dell’isola e oltre 100 pagine di indagine per cercare di dare risposta “alle preoccupazioni manifestate in più occasioni da parte dei procuratori del Tribunale dei Minori, da operatori scolastici, socio-assistenziali, socio-sanitari e del Terzo settore a fronte dei dati sempre più allarmanti sulla dispersione scolastica in Sicilia e, più in generale, sulle condizioni di estremo disagio sociale in cui versano i minori delle aree periferiche delle città siciliane”. 

Le cause

Criticità che, secondo i commissari, “discendono da un intreccio di cause, nei quali spiccano le responsabilità di molte istituzioni: le incertezze amministrative e burocratiche nella risposta di sostegno, la perpetua carenza di risorse, la frammentarietà e la lentezza degli interventi, l’assenza di sinergia istituzionale, l’assenza di spazi di socialità, l’insidia dei ‘modelli culturali’ proposti dalla criminalità organizzata”. Di fronte “alle gravi criticità vissute dai giovani nell’accedere a servizi essenziali, alla cronica carenza di personale dei servizi sociali, alla inconsistenza degli spazi aggregativi e sportivi – sottolineano dall’Antimafia regionale – se le scuole resteranno l’unico presidio isolato e malvisto, se le associazioni si vedranno chiudere i programmi di accompagnamento sociale per ragioni di bilancio e di burocrazia amministrativa rinunziando a dare continuità di intervento al loro lavoro… se questa resterà la pubblica risposta per i quartieri in cui la condizione minorile è sinonimo di vulnerabilità e disagio, non stupiamoci

Le proposte

quando mafie e criminalità avranno vita facile a reclutare, a trasformare adolescenti in carne da cannone”.  Secondo i commissari, “l’ascensore sociale nelle periferie siciliane si è fermato ai piani alti. Ma si tratta di un esito che non può essere accettato o, ancor peggio, passivamente subito”. Da qui alcune proposte: una legge regionale che raccolga e coordini le buone prassi esistenti; un’anagrafe scolastica e un piano dell’infanzia regionali; l’importanza di ricostituire la Commissione regionale per i problemi della devianza e della criminalità; la valorizzazione delle figure dei garanti locali. “Occorre – sottolinea Fava – valorizzare la generosità e la professionalità del mondo della scuola e delle realtà dell’associazionismo e del sociale”. 

Tag:

Articoli correlati

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684