Dpi anti-Covid esenti da Iva, l’Ue orientata a estendere periodo esenzione - QdS

Dpi anti-Covid esenti da Iva, l’Ue orientata a estendere periodo esenzione

Salvatore Forastieri

Dpi anti-Covid esenti da Iva, l’Ue orientata a estendere periodo esenzione

sabato 31 Ottobre 2020 - 00:00

Aliquota zero anziché al 5% non solo per mascherine ma anche per tamponi e disinfettanti. L’intenzione della Commissione Ue è proprogare fino a tutto il mese di aprile 2021

ROMA – Come si ricorderà, con l’articolo 124 del Decreto “Rilancio”, il decreto-legge 19 maggio 2020, n. 34 convertito con la legge 17 luglio 2020, n. 77, il Legislatore italiano, conformandosi alle disposizioni dell’Unione europea, nel confermare l’applicazione dell’aliquota ridotta (5%) per la cessione di mascherine protettive e di altri prodotti di protezione anti Covid, (Tabella A, parte II-bis, punto 1-ter.1, allegata al decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 1972, n. 633), ha previsto pure un esonero dall’Iva di tali prodotti, con diritto alla detrazione dell’imposta pagata a monte (quindi senza applicazione del pro-rata), ma solo fino al 31 dicembre 2020.

In pratica, dallo scorso 19 maggio e fino alla fine di quest’anno, al posto dell’aliquota del 5%, a norma del secondo comma dell’articolo n. 124 del citato Decreto Legge 34/2020, si applicherà l’aliquota zero.
Tra i prodotti attualmente ad aliquota zero, oltre alle mascherine protettive (quelle chirurgiche, le Ffp2 e Ffp3), ci sono anche i ventilatori polmonari, i detergenti disinfettanti per le mani, gli strumenti per la diagnosi del Covid-19 ed i tamponi.

Recentemente, però, la Commissione Europea, lavorando d’anticipo, ha ritenuto di potere consentire ai Paesi membri non solo di prorogare il cennato regime di esenzione Iva fino a tutto il mese di aprile 2021, ma ha ritenuto di poterlo estendere (in aggiunta ai prodotti precedentemente cennati) anche ai vaccini (evidentemente quando saranno disponibili) ed ai test Covid-19.
I test, infatti, non rientrerebbero tra i prodotti in esenzione.

Le anzidette nuove esenzioni, comunque, si applicheranno solo dopo che saranno concordate con i Paesi membri e solo fino a quando l’Organizzazione Mondiale della sanità non avrà decretato la fine della pandemia.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684

x