Così l’Asp di Enna sta affrontando la pandemia - QdS

Così l’Asp di Enna sta affrontando la pandemia

redazione

Così l’Asp di Enna sta affrontando la pandemia

martedì 17 Novembre 2020 - 00:00
Così l’Asp di Enna sta affrontando la pandemia

Per i pazienti ricoverati nell’ospedale Umberto I collegamenti più facili con i parenti a casa. I pazienti con bassa carica virale spostati al Ferro Branciforte Capra di Leonforte

ENNA – La comunicazione tra pazienti positivi al Coronavirus e i loro familiari passerà dai tablet, consegnati ai primari dei reparti Covid dell’ospedale Umberto, che saranno utilizzati per migliorare la comunicazione tra degenti e congiunti.

I primi ad acquisire i dispositivi sono stati i primari Luigi Guarneri, del reparto Malattie infettive, e Mauro Sapienza, del reparto Medicina, ora dedicato totalmente ai pazienti con Coronavirus.

“La misura – hanno affermato dall’Asp – decisa dall’Unità di crisi, aumenta la buona pratica tesa a incrementare l’umanizzazione nelle strutture ospedaliere e assume una valenza particolare in considerazione della malattia da Coronavirus. Alcune tipologie di pazienti, infatti, registrano un’età avanzata e una scarsa propensione a utilizzare dispositivi e social. Il tablet, con l’aiuto del personale di reparto, potrà mettere in comunicazione video i pazienti con i loro familiari, colmando la distanza fisica e affettiva”.

Intanto, l’Unità di crisi dell’Asp di Enna ha disposto il trasferimento dei pazienti con carica virale a bassa intensità, dall’ospedale Umberto I nel capoluogo al Ferro Branciforte Capra di Leonforte. Come reso noto dai vertici sanitari, sono stati adottati “i provvedimenti necessari per trasferire i malati che, in base al decorso della malattia, potranno lasciare l’ospedale del capoluogo”. Nella prima fase dell’epidemia, l’ospedale di Leonforte aveva già accolto i pazienti Covid in via di guarigione.

“Il monitoraggio continuo della curva epidemiologica e dei ricoveri – ha evidenziato l’Asp in una nota – è alla base di ulteriori decisioni prese per adeguare, nel modo più appropriato in base alle risorse professionali esistenti, l’organizzazione dei servizi e dei reparti ospedalieri in prima linea nell’assistenza Covid”.

L’Asp Enna ha inoltre comunicato ai Comuni “la sopravvenuta e dimostrata impossibilità a effettuare il servizio di raccolta dei rifiuti urbani prodotti nelle abitazioni dove soggiornano soggetti positivi al tampone in isolamento o in quarantena obbligatoria”. La ditta aggiudicataria del servizio, vista la crescita esponenziale dell’impiego di contenitori di rifiuti sanitari pericolosi a rischio infettivo prodotti nei presidi sanitari, non erogherà più il servizio di ritiro e smaltimento presso le abitazioni dei soggetti positivi.

Tag:

Potrebbe interessarti anche:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684