Fase 2 avviata anche per i pazienti oncologici Decalogo per assicurare strutture Covid-free - QdS

Fase 2 avviata anche per i pazienti oncologici Decalogo per assicurare strutture Covid-free

redazione

Fase 2 avviata anche per i pazienti oncologici Decalogo per assicurare strutture Covid-free

mercoledì 13 Maggio 2020 - 00:00
Fase 2 avviata anche per i pazienti oncologici Decalogo per assicurare strutture Covid-free

Le linee guida in questione sono state stilate dalla Fondazione Aiom in collaborazione con numerose associazioni

in collaborazione con ITALPRESS

Sono almeno duecentomila i pazienti oncologici che con l’allentamento del lockdown e l’avvio della Fase 2 devono tornare in ospedale per visite di controllo e accertamenti diagnostici. Numerosi si sono già rivolti a Fondazione Aiom (Associazione italiana di oncologia medica) per ricevere informazioni, anche attraverso il sito e i canali social: il timore del rischio di contagio nelle strutture sanitarie è la domanda più frequente.

A questo dubbio Fondazione Aiom è stata chiamata a fornire risposte, chiedendo quindi alle Istituzioni di adottare un decalogo di regole per garantire la ripresa in sicurezza di esami, visite e trattamenti antitumorali anche durante la Fase 2.

“Fino a ora – ha spiegato la presidente Stefania Gori, direttore del Dipartimento di Oncologia medica al Sacro Cuore-Don Calabria di Negrar – come Fondazione Aiom abbiamo invitato i pazienti e i caregiver a seguire le regole comportamentali dettate dal ministero della Salute per evitare il contagio da nuovo Coronavirus. Oggi la situazione sta, anche se lentamente, volgendo alla normalità e per le persone con tumore è indispensabile tornare a seguire le cure in ospedale in totale sicurezza. Deve essere ridotto al minimo il rischio di contagio e devono quindi essere mantenute le stesse procedure e regole previste nella Fase 1. Un paziente con tumore e test positivo per nuovo Coronavirus (tampone naso-faringeo) oppure con malattia Covid-19 non può infatti continuare il trattamento antitumorale. Ecco perché abbiamo lanciato un appello alle Istituzioni affinché facciano proprie le indicazioni del Decalogo predisposto da Fondazione Aiom insieme a molte associazioni di pazienti”.

Il decalogo predisposto da Fondazione Aiom prevede:

1) Percorsi differenziati per i pazienti oncologici rispetto ai pazienti affetti da Coronavirus negli ospedali in cui sono presenti sia reparti Covid che reparti/strutture oncologiche;

2) Personale sanitario dedicato ai pazienti con cancro, evitando che medici e infermieri utilizzati nei reparti Covid siano al contempo utilizzati anche nei reparti oncologici;

3) Sorveglianza del personale sanitario. Effettuazione periodica, negli asintomatici, del tampone naso-faringeo per test Sars-Cov-2;

4) Effettuazione del triage agli operatori sanitari prima dell’inizio di ogni turno lavorativo;

5) Disponibilità dei Dispositivi di protezione individuale (Dpi) necessari a tutto il personale sanitario e non sanitario;

6) Effettuazione del tampone naso-faringeo a tutti i pazienti oncologici prima del ricovero nelle degenze oncologiche per far sì che vengano ricoverati in questi reparti solo i pazienti Sars-Cov-2-negativi;

7) In assenza di particolari necessità, vietare le visite ai pazienti ricoverati nelle degenze oncologiche;

8) Effettuare il triage a ogni paziente oncologico ambulatoriale: solo i pazienti asintomatici e senza conviventi Sars-Cov-2 positivi sono ammessi in Day hospital/ambulatorio;

9) Vietare la presenza di familiari o accompagnatori nelle sale di attesa dei Day hospital/ambulatori oncologici, se non strettamente necessario per motivi assistenziali;

10) Attivazione di sostegno psicologico attraverso modalità telefoniche o telematiche.

Garantire strutture oncologiche Covid-free è un modo per evitare ai pazienti con cancro di poter essere contagiati in ambiente ospedaliero, l’ambiente in cui ogni giorno si recano per curare il loro tumore.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684