Femminicidio, Lamorgese e Musumeci in scuola Siracusa - QdS

Femminicidio, Lamorgese e Musumeci in scuola Siracusa

redazione web

Femminicidio, Lamorgese e Musumeci in scuola Siracusa

domenica 04 Luglio 2021 - 06:36

La Ministro dell'Interno, intitolando un plesso alle vittime, ha sottolineato l'importanza di una legge specifica. Il Governatore ha auspicato "politiche di servizio sociale per prevenire i delitti"

“Quella sul femminicidio è una legge importante, soprattutto per il codice rosso che rappresenta, un elemento che è un simbolo per tutte le donne”.

Lo ha detto la ministro dell’Interno, Luciana Lamorgese, che ieri a Siracusa ha intitolato un plesso dell’Istituto comprensivo “Archia” a Eligia Ardita e Giulia, vittime di femminicidio.

Eligia era una giovane infermiera uccisa dal marito il 19 gennaio 2015 con la figlia che portava in grembo.

Giulia, appunto.

Oltre ai genitori e alla sorella di Eligia, alla cerimonia erano presenti il presidente della Regione siciliana, Nello Musumeci e il sindaco di Siracusa, Francesco Italia.

“Dobbiamo operare – ha aggiunto – anche in termini culturali, nelle scuole. Come quella che intitoliamo a una donna incinta all’ottavo mese uccisa dal marito violento: questo è un segnale forte”.

Musumeci, potenziare i servizi sociali

“Dobbiamo chiederci – ha aggiunto il Governatore – se il femminicidio non sia, prima di essere l’epilogo di un fatto di polizia, l’epilogo di una crisi sociale all’interno di un nucleo familiare. Da molto tempo i Comuni in tutta Italia, e in particolare in Sicilia, non godono più di servizi sociali efficienti. Una sana politica di servizio sociale, che sappia leggere fra le pieghe e le intrusioni di una società malata, può prevenire il delitto, intervenendo in tempo”.

“C’è un dato che raccolgo spesso – ha aggiunto -, e andando a Roma alla Funzione Pubblica, consapevole di interpretare un’esigenza diffusa dei sindaci, chiederò che il blocco dei concorsi e l’estenuante attesa burocratica non impedisca ai Comuni di contrastare in anticipo questi fenomeni”.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684