Rifiuti, finanziamenti per la discarica di Mazzarrà Sant'Andrea - QdS

Rifiuti, finanziamenti per messa in sicurezza e chiusura discarica di Mazzarrà Sant’Andrea

webms

Rifiuti, finanziamenti per messa in sicurezza e chiusura discarica di Mazzarrà Sant’Andrea

webms |
venerdì 17 Giugno 2022 - 15:06

Un passo in avanti per risolvere l'emergenza rifiuti e chiudere con una situazione a lungo "confinata in un limbo amministrativo"

Integrati i finanziamenti per gli interventi destinati a mettere in sicurezza e chiudere definitivamente la discarica nel Comune di Mazzarrà Sant’Andrea, nel Messinese.

Il governo Musumeci, su proposta dell’assessore all’Energia Daniela Baglieri, ha approvato lo stanziamento di ulteriori 480mila euro per le opere di somma urgenza necessarie a prevenire gravi criticità ambientali nel sito di conferimento dei rifiuti in via di dismissione.

Finanziamenti per chiudere la discarica di Mazzarrà Sant’Andrea

Le somme aggiuntive copriranno le spese dei lavori destinati a eliminare potenziali rischi legati all’eventuale collasso dei rifiuti abbancati nella scarpata, così come appurato da un recente sopralluogo effettuato dal personale del Genio civile di Messina.

“Si tratta di un sito dismesso su cui la Regione sta intervenendo (ai sensi dell’art 250 del D. Lgs. 152/06) in sostituzione della società Tirrenoambiente, attualmente in liquidazione, del Comune e della Srr“, sottolinea l’assessore Baglieri.

“Fino a oggi l’Amministrazione regionale ha stanziato somme per circa 6 milioni di euro, garantendo la gestione della discarica in luogo dei soggetti obbligati, per prevenire gravi problematiche di carattere ambientale e si è attivata per attingere ai fondi del Pnrr nell’ambito del programma di finanziamento per i ‘siti orfani’, sotto la regia del Ministero della Transizione ecologica”.

“La discarica di Mazzarrà, infatti, è inserita nell’elenco degli interventi ammessi a finanziamento con un importo di 12 milioni di euro, risorse che ne garantiranno la chiusura definitiva in conformità alla normativa vigente. Riusciremo, così a mettere la parola fine a una situazione che per anni è stata confinata in un limbo amministrativo che non ha permesso di chiudere tutte le procedure necessarie”.

Tag:

Articoli correlati

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684