Gela, ecco le idee per riqualificare lo slargo dell’Ospizio Marino - QdS

Gela, ecco le idee per riqualificare lo slargo dell’Ospizio Marino

redazione

Gela, ecco le idee per riqualificare lo slargo dell’Ospizio Marino

martedì 13 Aprile 2021 - 08:30

Nei giorni scorsi un vertice tra rappresentanti dell’Amministrazione comunale di Gela, del Parco archeologico e della Tamoil. L’obiettivo è riqualificare l’area e restituirla alla cittadinanza

GELA (CL) – Dare una nuova immagine e nuovi colori all’Ospizio Marino, grazie agli interventi di riqualificazione nell’area che un tempo ospitava la stazione di rifornimento Tamoil. È questo l’obiettivo del sindaco Lucio Greco e dell’assessore al Decoro urbano Giuseppe Licata, che hanno incontrato Luigi Gattuso, direttore del Parco archeologico di Gela, nel cui territorio lo slargo in questione ricade, e Domenico Sicari, rappresentante di Tamoil. Presenti al sopralluogo anche i rappresentanti del comitato di quartiere, che hanno evidenziato la necessità, tra le altre cose, di apporre dei dissuasori di velocità in quel tratto di lungomare nel quale le auto sfrecciano pericolosamente.

In un primo momento, a seguito della dismissione della stazione di rifornimento, l’idea di Tamoil era quella di sgomberare e asfaltare. L’Amministrazione però, con la condivisione del direttore del Parco archeologico, ha chiesto alla multinazionale che l’area venga riqualificata diversamente. In quella zona vorrebbe ricavare un polmone verde da arredare con panche e giochi per i bambini e con un piccolo belvedere (previa realizzazione di un’apposita struttura) sul lungomare. Vorrebbe, inoltre, recuperare il tunnel, intasato da decenni di rifiuti e vegetazione, che permetterebbe di attraversare in tutta sicurezza.

Il sopralluogo ha rappresentato un primo momento di confronto tra tutti i soggetti interessati, al termine del quale è stato stabilito di rivedersi non appena Sicari si sarà fatto portavoce con Tamoil della posizione di Comune e Parco Archeologico.

Quella in questione, del resto, è anche la zona in cui sta per sorgere la nuova area museale e il sindaco Greco e l’assessore Licata non hanno dubbi: va riqualificata, ben delimitata e restituita alla città.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684