Global tax, primo segnale importante - QdS

Global tax, primo segnale importante

redazione

Global tax, primo segnale importante

venerdì 11 Giugno 2021 - 00:00

I paesi del G7 hanno fatto un passo storico per riformare il sistema fiscale globale al fine di adattarlo all’era digitale

di Maria Laura Paxia
deputata della Repubblica italiana

I paesi del G7 hanno fatto un passo storico per riformare il sistema fiscale globale al fine di adattarlo all’era digitale.

Infatti, i Ministri delle Finanze dei sette Paesi membri di questo gruppo intergovernativo informale, che riunisce le più importanti economie degli Stati avanzati (Canada, Francia, Germania, Giappone, Italia, Regno Unito e Stati Uniti), nei giorni scorsi hanno siglato una intesa per fissare una aliquota globale minima del 15% per la tassazione delle grandi imprese, applicata Paese per Paese.

Dal testo diffuso dal G7, emerge che le imprese più grandi, quelle con un margine di profitto superiore al 10%, andrebbero a pagare le tasse in ciascuno dei Paesi in cui operano e non solo dove hanno la sede.

Adesso sarà fondamentale “declinare” questo accordo anche nell’ambito del G20, in modo da allargare questo accordo ad altri Stati con economie molto solide, come ad esempio Cina e Russia.

Aggiornare le norme fiscali internazionali con l’applicazione della corporate tax minima sulle aziende e sui colossi del digitale, è un primo segnale importante per arrivare a una concreta giustizia sociale, assicurando anche equità nella tutela e nei diritti dei lavoratori.

Inoltre, è significativo il fatto che i colossi Google, Facebook ed Amazon si siano già espressi favorevolmente a questa decisione adottata dal G7.

L’obiettivo è quello di dire basta ai paradisi fiscali: così facendo le aziende non saranno più in grado di eludere le tasse, registrando profitti in Paesi a bassa tassazione.

Ci vorrà ancora tempo per applicare e rendere operativa la global tax, ma quello di pochi giorni fa è un segnale che testimonia un nuovo approccio alla globalizzazione, che ha sicuramente subito una accelerazione dalla pandemia che stiamo vivendo.

Non solo fisco però, perché nel prossimo futuro auspico una azione condivisa a livello globale che possa riguardare anche l’ambiente. Infatti, il cambiamento climatico deve essere affrontato dagli Stati in modo unitario, perché l’azione dei singoli Paesi non è efficace.

Quindi, la globalizzazione, se sapientemente governata, può portare a risultati positivi per il bene comune.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684