Green pass in hotel, serve il “super” o basta quello “base”? - QdS

Green pass in hotel, serve il “super” o basta quello “base”?

web-mp

Green pass in hotel, serve il “super” o basta quello “base”?

web-mp |
lunedì 06 Dicembre 2021 - 15:11

Per soggiornare negli alberghi è sufficiente il Green Pass base, rilasciato dopo un tampone antigenico rapido (48 ore) o molecolare (72 ore)

Da oggi fioccano i controlli per il Green Pass “rafforzato” o Super Green Pass che viene richiesto per varie attività tra cui i ristoranti al chiuso e i bar con il servizio al tavolo.

Quello che in molti si chiedono, in vista di programmare un viaggio per il ponte dell’Immacolata o per le vacanze natalizie, è: Green pass in hotel, serve il “Super” basta quello “base”? Ecco la risposta.

In Hotel serve il Green pass ma basta quello “base”

Per soggiornare negli alberghi è sufficiente il Green Pass base, rilasciato dopo un tampone antigenico rapido (48 ore) o molecolare (72 ore). Gli ospiti della struttura hanno anche l’accesso alla sala ristorante e al bar interni alla struttura.

Il commento di Federalberghi, il “super” green pass avrebbe bloccato i turisti

“E’ bene chiarire e confermare che negli alberghi non è necessario il Super Green Pass (o la vaccinazione o il tampone) – dice il presidente di Federalberghi Bernbò Bocca – ma è sufficiente il Green Pass normale.

Del resto in altro modo sarebbe impossibile ospitare le persone straniere che non hanno un vaccino certificato dall’Ema, come ad esempio i russi e tutti i turisti del Far East.

Quando abbiamo visto che gli alberghi rischiavano di finire nella categoria del Super Green Pass abbiamo interloquito con chi se stava occupando facendo presente che sarebbe stato complicato e avremmo dovuto rinunciare, già in momenti di magra, a un’ulteriore fetta di clienti importanti come russi e cinesi.

Certo poi il turista che non ha il Super Green Pass dorme e mangia in albergo (dove c’è il ristorante interno alla struttura), ma non può andare né in ristoranti normali al chiuso, né al cinema o a teatro… Nel caso in cui il ristorante dell’hotel sia aperto anche al pubblico esterno per entrare serve il Super Green Pass come nei ristoranti normali. E’ un danno ma comprensibile, un sacrificio – conclude Bocca – ma credo che ormai tutti non vediamo l’ora che questa pandemia finisca. Lo subiamo, ma l’importante è uscirne”. (ANSA).

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684