Il minuetto - QdS

Il minuetto

web-dr

Il minuetto

web-dr |
martedì 20 Luglio 2021 - 10:25

Quello andato in scena ieri a Palazzo dei Normanni tra Miccichè e Letta sembra un rito danzante di altri tempi.

Quello andato in scena ieri a Palazzo dei Normanni tra Miccichè e Letta sembra un rito danzante di altri tempi.

Uno lo aspettava in una piazza, l’altro entrava dall’altra, dopo le irritazioni ovvie e le chiamate tra scudieri e addetti di segreteria, l’incontro avviene, nelle migliori tradizioni sicule, al ristorante dell’assemblea. Pare che comunque, nonostante la più che dichiarata simpatia a sinistra e per formule draghiane del Presidente Miccichè, questo matrimonio non s’ha da fare. Non c’è stato l’endorsement per Provenzano, ma tutti gli indizi portano per un asse a sinistra, in alleanza con i 5 stelle, che di fatto lascia poco spazio ad un’intesa con forze moderate. C’è una ragione anche pratica e non solo politica qui in Sicilia.

Il grande affetto che i percettori del reddito di cittadinanza nutrono nei confronti dei pentastellati. A Palermo in particolare 178 persone su mille sono percettori e l’isola dopo la Campania ha il giallo delle social card. Questo dato è stato evidenziato dal sondaggio sulle preferenze di voto dei siciliani uscito su La Sicilia. Il movimento 5 stelle è il primo partito dell’isola con il 22 per cento.

Di fatto i percettori di cittadinanza sono diventati un blocco sociale, molto più ampio di quello dei forestali o dei precari degli enti locali. Un blocco che grava sulla fiscalità generale e che non genera nemmeno ipotesi di voto di scambio locale. La quadra del cerchio.

Se la coalizione di centrosinistra riassorbe la candidatura di Fava e si da una veste di narrazione ed evocazione, come quella raffigurata dall’ex ministro per il Sud, Giuseppe Provenzano, uomo che ha doti innegabili e visioni, diventa competitiva.

Soprattutto se a destra vi possono essere rotture di schemi o riproposizione vecchie, stantìe e senza uno storitelling che parli alla Next Generation. Nessuno a destra, ma nemmeno a sinistra, discute con competenza del ruolo geopolitico della Sicilia, in Italia ed in un mediterraneo in pieno fermento. Ci si chiude in giochetti ammuffiti, tra piccole beghe interne e sacche di spesa vuote.

Il Presidente Musumeci si sta arroccando in un isolamento estivo dopo aver riscontrato sufficienza o palese freddezza all’ipotesi di una sua ricandidatura. “È presto”, la frase più pronunciata da tutti.

La verità è che invece è tardi, per l’economia isolana, per le prospettive di trattenimento del capitale umano, per le capacità di interazione con le istituzioni preposte al PNRR.

La Sicilia cincischiando con quadre da trovare, carriere da comporre, sopravvivenze da assicurare, conti da fare con molti, troppi, osti della politica produce solo una cosa acclarata dal Parlamento siciliano.

Povertà, materiale e culturale.

Ci vuole una nuova narrazione, autentica, che coniughi le generazioni e ci faccia uscire dalla palude che non meritiamo.

Gatto Silvestro

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684