Coronavirus, BonuSicilia, la Regione rimpolpa il bando - QdS

Coronavirus, BonuSicilia, la Regione rimpolpa il bando

Michele Giuliano

Coronavirus, BonuSicilia, la Regione rimpolpa il bando

giovedì 17 Settembre 2020 - 00:06
Coronavirus, BonuSicilia, la Regione rimpolpa il bando

Innalzato a 180 milioni lo stanziamento per le imprese danneggiate dal lockdown. Dal 21 settembre ci si potrà iscrivere, in ottobre invece la presentazione delle domande. Al bando potranno accedere microimprese artigiane, commerciali, industriali e di servizi

PALERMO – Pochi giorni ormai al click day per accedere ai fondi del BonuSicilia, un contributo a fondo perduto per le imprese danneggiate dal lockdown che fa riferimento a fondi europei appositamente programmati dalla Regione.

“Oramai è tutto pronto – afferma l’assessore regionale alle Attività produttive, Mimmo Turano -. I 128 milioni inizialmente programmati diventeranno 180 in quanto abbiamo trovato altre risorse. Voglio essere da subito chiaro: questi non erano soldi non spesi ma si tratta di risorse inizialmente programmate per altri progetti che però ho preferito stornare su questa misura, considerando l’emergenza coronavirus. I fondi sono stati prelevati da tutti quegli avvisi che ancora non erano esecutivi”.

Si tratta dei fondi stanziati nella Finanziaria anti-Covid 4 mesi fa dall’Ars, grazie a somme ritagliate dai piani di investimento dei fondi europei che sono rimasti irrealizzati dal 2014 a oggi.

Al bando potranno accedere “tutte le microimprese artigiane, commerciali, industriali e di servizi”. Si tratta quindi di un aiuto destinato solo alle aziende che occupano meno di 10 persone e che hanno un fatturato annuo non superiore a 2 milioni.

La procedura scelta per l’assegnazione dei fondi è quella del famigerato click day. Tutto starà quindi alla velocità del tecnico che caricherà i dati per l’azienda, nella speranza di essere abbastanza veloci da battere la concorrenza.

Dal 21 settembre partirà la fase concreta – aggiunge Turano – con la possibilità di iscriversi nella piattaforma già predisposta. Ci sono dubbi sul sistema del click day? Il nostro assessorato però si è mosso preventivamente sotto questo aspetto. Abbiamo infatti suddiviso i soldi per quote territoriali, attribuendo una porzione di queste risorse sulla base di parametri riguardanti la densità abitativa per provincia. Tutti i territori in questo modo saranno rappresentati e potranno usufruire di questa opportunità”.

Un correttivo che dovrebbe evitare che i fondi vadano a senso unico, e garantire una distribuzione equa sul territorio. Le imprese devono aver chiuso per effetto di uno dei vari Dpcm di Conte o a causa di una delle ordinanze di Musumeci.

Tutte le imprese del settore turistico, invece, potranno accedere agli aiuti. Per alberghi e altre aziende del settore basta certificare di aver chiuso, anche spontaneamente, o comunque di aver avuto danni gravi parametrati al fatturato degli anni precedenti. Le aziende potranno ricevere fondi da 5 a 35 mila euro secondo le tempistiche di apertura dell’impresa e del calo del fatturato medio.

In media, secondo le stime dell’assessorato, ogni impresa potrà percepire circa 12 mila euro.

Per poter accedere alla prenotazione dei fondi ci sarà un click day e sarà una corsa fra imprenditori. L’assessorato alle Attività Produttive ha già costruito una piattaforma su cui ogni imprenditore interessato potrà pre-registrarsi già nei prossimi giorni per poi, allo scoccare dell’ora X, inviare la domanda digitale.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684