Landini; "Via leggi che creano precarietà. RdC non va tolto" - QdS

Lavoro, Landini: “Via leggi che creano precarietà. Il Reddito di Cittadinanza non va tolto”

web-sr

Lavoro, Landini: “Via leggi che creano precarietà. Il Reddito di Cittadinanza non va tolto”

web-sr |
giovedì 06 Ottobre 2022 - 07:47

Il segretario generale della Cgil fissa alcune priorità per il nuovo Governo e difende il Reddito di Cittadinanza.

Aboliamo il Jobs Act e tutte le leggi che hanno creato precarietà in questo Paese. Su fisco e pensioni valgono le piattaforme unitarie presentate con Cisl e Uil”, lo ha dichiarato a “Repubblica” il segretario generale della Cgil, Maurizio Landini.

“Non abbiamo cambiato idea sulla flat tax, restiamo contrari e ricordiamo che non andava bene neanche la riforma dell’Irpef di Draghi e la sua delega fiscale“, aggiunge ancora Landini.

Landini: “RdC misura contro povertà, possiamo migliorarlo”

Il segretario generale parla poi del Reddito di Cittadinanza e dell’eventualità di una sua cancellazione da parte del nuovo Governo, così come ribadito a più riprese nei mesi passati dalla leader di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni.

“Il Reddito di cittadinanza è uno strumento di contrasto alla povertà: vogliamo cancellarlo proprio ora che l’Italia si è ancora più impoverita? Se vogliamo migliorarlo, abbiamo le nostre proposte. Ma abolirlo no, non siamo d’accordo“, afferma.

Pensioni: “Tutti i lavori non sono uguali”

Poi un passaggio sulle pensioni: “Diciamo che Quota 41 risolve solo uno dei problemi. Poi ci sono i giovani e le donne da tutelare. E una flessibilità in uscita da garantire: non si può uscire a 70 anni, non tutti i lavori sono uguali”.

“Piuttosto invito il nuovo Governo ad accelerare tutti gli investimenti per attivare le fonti rinnovabili. E a pensare a una grande politica industriale e di sviluppo che porti l’Italia all’autonomia energetica. Da lì riparte il lavoro”, conclude Landini.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001