Le solide certezze di un Paese che può rinascere dalle ceneri - QdS

Le solide certezze di un Paese che può rinascere dalle ceneri

redazione

Le solide certezze di un Paese che può rinascere dalle ceneri

martedì 02 Giugno 2020 - 00:00

E se la “Santa crisi”, come scriveva Einstein, fosse rinnovamento?

ROMA – “Questa occasione dovrebbe essere utilizzata per affrontare obiettivi, di ciascun Paese e a livello europeo, di una certa importanza: la transizione ambientale, l’innovazione tecnologica e digitale. Abbiamo da risolvere in molti Paesi problemi antichi e questa è l’occasione per avere risorse in questa direzione”. Così si è espresso ieri, durante un’intervista a Radio 24, Paolo Gentiloni, commissario europeo per l’Economia.

Parole che sembrano ricordare quelle di Albert Einstein, citate di recente in un editoriale del nostro direttore, secondo il quale: “La crisi è la migliore cosa che possa accadere a persone e interi Paesi perché è proprio la crisi a portare il progresso”. E continuava: “La creatività nasce dall’ansia, come il giorno nasce dalla notte oscura. È nella crisi che nascono l’inventiva, le scoperte e le grandi strategie”. Ancora: “Chi supera la crisi supera sé stesso senza essere superato. Chi attribuisce le sue sconfitte e i suoi errori alla crisi, violenta il proprio talento e rispetta più i problemi che le soluzioni. La vera crisi è la crisi dell’incompetenza. Lo sbaglio delle persone e dei Paesi è la pigrizia nel trovare le soluzioni. Senza crisi non ci sono sfide, senza sfide la vita è routine, una lenta agonia. Senza crisi non ci sono meriti”.

Dunque, il messaggio è chiaro: per affrontare in maniera adeguata la tempesta che ha colpito l’Italia e il mondo intero occorre una buona dose di positività e la forza per guardare avanti, sfruttando questo difficile momento per spiccare un balzo in avanti e ritrovarsi, quando il momento più buio sarà ormai da tempo alle spalle, più avanti di dove si era prima che tutti noi imparassimo a conoscere il Coronavirus.

Il punto di partenza, come evidenziato da Gentiloni, può essere proprio l’Europa. E tra gli strumenti da utilizzare c’è il tanto chiacchierato Mes, su cui hanno lanciato un appello, tra gli altri, Confindustria, Ance e Abi, chiedendo di utilizzare tutte le risorse messe a disposizione a livello comunitario. “Stiamo parlando – ha detto Gentiloni – di un pacchetto di prestiti che sono particolarmente vantaggiosi per Paesi che hanno normalmente un tasso d’interesse più alto”.

“A un Paese come l’Italia – ha concluso il commissario europeo per l’economia – conviene avere questo tipo di prestiti, più che ad altri Paesi”.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684