Liceo Cannizzaro Palermo, l'obiettivo è una scuola a misura di ragazzo - QdS

Liceo Cannizzaro Palermo, l’obiettivo è una scuola a misura di ragazzo

web-j

Liceo Cannizzaro Palermo, l’obiettivo è una scuola a misura di ragazzo

web-j |
lunedì 13 Settembre 2021 - 10:47

Il rimando forte è a una “scuola a misura di bambino e ragazzo”, dove ciascuno possa esprimere se stesso e le proprie potenzialità, arricchendo progressivamente il proprio bagaglio formativo

Ripartenza
scolastica
: un termine che implica
tutta una serie di valutazioni di carattere educativo e organizzativo. Il
rimando forte è a una “scuola a misura di bambino e ragazzo”, dove ciascuno
possa esprimere se stesso e le proprie potenzialità, arricchendo
progressivamente il proprio bagaglio formativo e contribuendo al benessere
della società, al di là di ogni difficoltà di carattere personale, familiare o
situazionale, come la pandemia tristemente ci insegna.

Cosa attende i giovani in tempo di Covid 19? Quali
competenze sviluppare e di quali strumenti essi dispongono per la costruzione di competenze funzionali
in vista della formazione del cittadino di domani?

Ne abbiamo parlato con Anna Maria Catalano, Dirigente scolastico del Liceo scientifico statale Cannizzaro di Palermo, che, gentilmente, ha condiviso con il giornale l’Atto di indirizzo della dirigente scolastica Piano Triennale dell’offerta formativa 2019/2022 nell’aggiornamento a.s. 2021/2022, con specifico riferimento alla pandemia di Sars2 Covid 19.

PROF.SSA, IN CHE
MODO LA PANDEMIA HA CAMBIATO LA SCUOLA E QUALI SONO LE ASPETTATIVE FORMATIVE PER
IL FUTURO?

“La pandemia di Sars2 Covid 19, che funesta l’umanità
da un biennio, impone alla scuola di focalizzare lo sguardo ancora di più sulla
fragilità della condizione umana (a partire da quella giovanile) e sulla
necessità di costruire una società più equa e solidale – sostiene Catalano – A
questo evento avverso ancora in corso si aggiungano i disastrosi eventi
climatici che ci impongono di impegnarci a formare, attraverso tutte le
discipline, nuove generazioni che possano cambiare il passo dello sviluppo
tecnologico e salvaguardare le risorse del pianeta attraverso una gestione
corretta del territorio. Le conoscenze scientifiche, le storie dell’umanità, le
culture e le arti sono gli strumenti più potenti che abbiamo per formare donne
e uomini capaci di creare una società dove non ci sia più posto per
discriminazione, violenza, intolleranza, razzismo, ignoranza, purtroppo sempre
e ancora incombenti”.

RESPONSABILITA’,
SENSO CIVICO, RISPETTO DEGLI ALTRI, EDUCAZIONE ALLA BELLEZZA: QUESTI I CARDINI
DI UNA SCUOLA ATTENTA AI GIOVANI E IN GRADO DI SUPERARE DISCRIMINAZIONI,
DISASTRI E VIOLENZE. QUALI PROGETTI SPECIFICI PREVEDE A TAL FINE IL VOSTRO
ISTITUTO?

“Molteplici sono le attività finalizzatealla formazione di un Cittadino resposanbile, anche in relazione al contenimento dell’epidemia, attraverso cui ripartire, vincenti – continua Catalano –  Per esemplificare,accanto al curricolo formale (quadro orario, contenuti disciplinari, ecc.), il nostro Istituto punta molto sulla costruzione di un curricolo implicito, non formale, all’interno del quale valorizzare attività quali il rispetto scrupoloso delle regole igieniche previste come misura di contenimento dell’epidemia da Covid 19, strumento elettivo attraverso cui, ottimisticamente, riusciremo, prima o poi, a uscire da questo incubo. Ancora, il nostro Istituto dà valore estremo a un curricolo informale sviluppato singolarmente dai nostri studenti anche al di fuori dal contesto scolastico valorizzando le attività elettive, come sport, conservatorio, stage, volontariato, interessi personali approfonditi con serietà.

Attività attraverso cui sviluppare collaborazione, relazioni sociali, partecipazione, spirito di iniziativa, a cui affiancare il valore delle uscite didattiche, utilizzando la città e le sue risorse (parchi, musei, percorsi storico- architettonici, università, biblioteche) e tutti gli spazi urbani come ambienti di apprendimento (aule a cielo aperto) per le diverse discipline. Infine ricordo l’importanza del curricolo di educazione civica come richiesto dalla legge 20 agosto 2019 n. 20 secondo le linee guida ministeriali, che vede la partecipazione attiva di docenti, alunni e famiglie, uniti nell’alto compito di formazione delle nuove generazioni”. Sogni, progetti, ambizioni, responsabilità civiche e spirito di autonomia: questo il Volto di una Scuola attenta alla corretta formazione sociale del Cittadino di domani, una Scuola che combatte le discriminazioni e le pandemie, attraverso azioni proattive tese alla consapevolezza dei pericoli e all’attivazione delle corrispondenti azioni di resilienza.

Angela Ganci

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684