Lukoil Priolo, oggi incontro al Mise. Bartolo: "In ballo sorte di 10mila lavoratori" - QdS

Lukoil Priolo, oggi incontro al Mise. Bartolo: “In ballo sorte di 10mila lavoratori”

web-sr

Lukoil Priolo, oggi incontro al Mise. Bartolo: “In ballo sorte di 10mila lavoratori”

web-sr |
venerdì 18 Novembre 2022 - 10:45

Corsa contro il tempo per salvare la raffineria Lukoil di Priolo e, con essa, il lavoro di 10mila dipendenti.

“Il Governo Meloni tanto interessato all’autonomia differenziata, cambi priorità e si attivi per garantire la continuità lavorativa del Polo industriale di Priolo da cui dipende la sorte di 10mila lavoratori”.

Lo ha dichiarato l’eurodeputato Pietro Bartolo nella giornata dell’incontro al Mise e in cui i lavoratori dello stabilimento industriale si ritroveranno in piazza a Siracusa e a Roma per protestare.

Lukoil, l’embargo russo e il rischio chiusura

Al momento, infatti, l’Isab Lukoil di Priolo Gargallo rischia di chiudere i battenti a causa dell’embargo russo che impedirà a breve alla struttura di acquistare greggio dal Paese.

L’ultimo data utile per sperare nella sopravvivenza dell’impianto è quella del 5 dicembre. Dopo quel giorno, infatti, la struttura non riceverà più rifornimenti.

Bartolo: “Si mantenga l’occupazione industriale”

“Fin dal primo giorno dell’invasione russa dell’Ucraina, i sindacati avevano paventato il pericolo di chiusura. Se ha a cuore le sorti della ‘nazione’ come dice, il Governo punti a mantenere l’occupazione dell’area industriale siciliana“, ha aggiunto Bartolo.

Per l’eurodeputato è necessario “costruire un piano di investimento che ne garantisca l’esistenza anche durante e dopo la transizione energetica. Serve una visione di futuro e servono risorse su Priolo e la Sicilia per farne un hub del Mediterraneo”.

Tag:

Articoli correlati

Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001