M5s, ora è tregua, Cancelleri, "Beppe Grillo adesso ci spieghi" - QdS

M5s, ora è tregua, Cancelleri, “Beppe Grillo adesso ci spieghi”

redazione web

M5s, ora è tregua, Cancelleri, “Beppe Grillo adesso ci spieghi”

sabato 03 Luglio 2021 - 06:50

Il sottosegretario alle Infrastrutture, "buttati via quattro mesi di lavoro e adesso siamo tornati indietro". E su Conte, "Gli dobbiamo risposte e un grande rispetto per ciò che ha fatto da premier"

“Ringrazio Grillo per i tanti anni nei quali si è speso per il M5S, per l’Italia, per un gruppo di giovani che da lui ha imparato tanto, ma ho bisogno che mi spieghi chiaramente cosa sta accadendo, perché, dopo quattro mesi di lavoro e battaglie legali per farci restituire i dati degli iscritti, per avviare un nuovo processo che proprio Grillo ha indicato accanto a Giuseppe Conte, ci ritroviamo nel passato, con ancora Rousseau e con il comitato dei cinque”.

Un’amara dichiarazione quella di Giancarlo Cancelleri, sottosegretario siciliano alle Infrastrutture, che ha parlato con i giornalisti a Palermo a margine della conferenza stampa per la presentazione degli itinerari turistici in treno di Arsenale spa e Trenitalia.

“Chiedo a Beppe – ha detto – una spiegazione: non accetto di buttare quattro mesi di lavoro. Eviti il rischio scissione, che in questo momento non serve a nessuno e che ci può mettere in grande difficoltà. Non è il momento di scegliere con chi stare, ma voglio sicuramente delle risposte per capire meglio”.

“Io – ha aggiunto Cancelleri – continuo a lavorare con Giuseppe Conte, che ritengo una grande risorsa, e in questo momento, per quello che ho potuto vedere, qualcuno lo ha miseramente preso a pesci in faccia. E questo non è giusto”.

“Anche a Conte – ha concluso – dobbiamo delle risposte e un grande rispetto per ciò che ha fatto da presidente del consiglio, da cittadino”.

E, come auspicato da Cancelleri, è tregua nei Cinque Stelle.

Beppe Grillo si è piegato alla richiesta di mediazione dei big del Movimento, ha sospeso il voto sul Direttivo e nominato un comitato di sette dirigenti con il compito di occuparsi delle modifiche delle regole interne: statuto, carta dei valori e codice etico.

Il comitato sarà composto dal palermitano Vito Crimi, dai capigruppo Crippa, Licheri e Beghin, dai ministri Patuanelli e Di Maio e dal presidente della Camera Fico.

Tag:

Articoli correlati

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684