Migranti, naufragio del gommone, fermato il timoniere - QdS

Migranti, naufragio del gommone, fermato il timoniere

redazione web

Migranti, naufragio del gommone, fermato il timoniere

venerdì 27 Novembre 2020 - 00:09
Migranti, naufragio del gommone, fermato il timoniere

Si tratta del natante soccorso dalla Open Arms al largo della Libia con a bordo centoventi persone. Nel disastro morirono sei persone tra cui il piccolo Yusuf. Il giovane, del Ciad, è accusato di favoreggiamento dell'immigrazione e naufragio

La Polizia di Stato di Trapani ha fermato, con le accuse di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina aggravato e naufragio, un ventunenne del Ciad che sarebbe stato alla guida del gommone affondato l’undici novembre scorso al largo delle coste libiche e soccorso dalla nave Open Arms.

Il gommone aveva a bordo circa centoventi persone, sei delle quali rimaste vittime del naufragio.

Tra le vittime anche il piccolo Yusuf, di sei mesi, sfuggito alla madre, una ragazza di diciassette anni, e poi seppellito, in una bara bianca, a Lampedusa.

I migranti soccorsi erano stati trasportati sulle coste siciliane e posti in regime di quarantena, in attesa di poter essere trasferiti nelle strutture di accoglienza, hanno spiegato dalla Squadra Mobile di Trapani.

Al termine degli interrogatori dei testimoni e di ulteriori approfondimenti investigativi, i poliziotti hanno individuato il presunto conducente dell’imbarcazione naufragata.

“Decisive – ha riferito la Polizia – sono state le ricostruzioni effettuate attraverso le testimonianze dei migranti che hanno raccontato la dinamica del viaggio, culminato con la rottura dello scafo in gomma e la caduta in mare degli occupanti, nonché offerto significativi elementi indiziari a carico dell’indagato”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684