Migranti, soccorsi in mare, quattordici con meno di dieci anni - QdS

Migranti, soccorsi in mare, quattordici con meno di dieci anni

redazione web

Migranti, soccorsi in mare, quattordici con meno di dieci anni

domenica 28 Marzo 2021 - 06:01

C'era addirittura un bimbo di appena quattro mesi. Emergency, erano alla deriva da due giorni. Le Ong accusano, la Libia non è un porto sicuro e l'Ue deve smettere di sostenere i respingimenti

Sono stati presi a bordo dalla Open Arms mentre andavano alla deriva al largo della Libia, su un barcone sovraccarico. Su trentotto persone sette donne e quattordici bambini con meno di dieci anni

La nave della ong Open Arms ha soccorso in mare trentotto migranti che si trovavano a bordo di un’imbarcazione in difficoltà al largo della Libia.

Tra le persone soccorse, secondo quanto riferito subito dopo il salvataggio, dalla Organizzazione non governativa spagnola in un tweet, c’erano sette donne e quattordici bambini con meno di dieci anni, due dei quali molto piccoli.

Uno ha addirittura appena quattro mesi.

Lo ha confermato Emergency – che ha il personale medico a bordo della nave umanitaria – sottolineando che l’imbarcazione sulla quale viaggiavano i migranti era alla deriva da due giorni, dopo esser salpata da Tripoli.

Terminato il trasbordo dei naufraghi, la Open Arms ha ricevuto la segnalazione di altre tre imbarcazioni in difficoltà, prosegue Emergency e di queste “due sono state intercettate dalla cosiddetta guardia costiera libica e riportate in un Paese dove i diritti umani vengono costantemente violati”.

La Libia, aggiungono Emergency e Open Arms, “non può in alcun modo essere considerata un porto sicuro, le autorità europee devono smettere di sostenere il respingimento di chi tenta di attraversare il Mediterraneo”.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684