Mondragone, Matteo Salvini "sciacallo". E salta il comizio - QdS

Mondragone, Matteo Salvini “sciacallo”. E salta il comizio

redazione web

Mondragone, Matteo Salvini “sciacallo”. E salta il comizio

martedì 30 Giugno 2020 - 07:53
Mondragone, Matteo Salvini “sciacallo”. E salta il comizio

Dalla Polizia "carica di alleggerimento" prima dell'arrivo del capo della Lega Nord, ma i contestatori sono riusciti a impedirgli di parlare. La volontà di soffiare sul fuoco alimentando la tensione con la comunità bulgara locale in quarantena per il coronavirus



Matteo Salvini è stato costretto ad annullare, ieri a Mondragone, nel Casertano, il suo comizio nel lido Kursaal per le forti contestazioni subite, tanto che la polizia ha effettuato quella che è stata definita una “carica di alleggerimento” prima dell’arrivo dell’esponente della Lega Nord.

“Sciacallo!” era scritto sul lungo stiscione esibito lungo la strada di Mondragone dove si trovano i palazzoni dell’ex Cirio che ospitano la comunità bulgara costretta in quarantena per un focolaio di coronavirus nella zona rossa casertana.

Espliciti anche i cori: “Buffone, buffone”, “Lavaci col fuoco”.

Salvini ha provato a prendere la parola qualificando i contestatori come “qualche balordo dei centri sociali al servizio della camorra” ma poi ha capitolato.

Ha anche tentato una pietosa bugia – “Ci hanno tagliato i fili dell’elettricità” – poi smentita, il capo della Lega Nord, che pensava probabilmente di poter soffiare sul fuoco alimentando la tensione con la comunità bulgara e offrire una sponda politica all’insofferenza di alcuni mondragonesi che non vedono di buon occhio “gli stranieri”.

Il capo della Lega Nord, insomma, non ha trovato l’accoglienza che si aspettava, anzi: ad accoglierlo i davvero pochi militanti mondragonesi della Lega Nord, ma soprattutto i tanti ragazzi dei centri sociali di Mondragone, della vicina Castel Volturno, di Caserta e della rete antifascista di Napoli.

Un cartello si chiedeva: “Sei contro noi terroni, sei contro neri e zingari. Perché sei qui?”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684