Sfiducia a Orlando, la Lega chiama e l'M5s risponde - QdS

Sfiducia a Orlando, la Lega chiama e l’M5s risponde

redazione

Sfiducia a Orlando, la Lega chiama e l’M5s risponde

lunedì 17 Agosto 2020 - 13:05

Pressing dei rappresentanti del Carroccio, che hanno chiesto sostegno a opposizione e ribelli della maggioranza. Dal Movimento 5 stelle la disponibilità a sostenere il documento a Sala delle Lapidi

“Se c’è qualcuno dell’opposizione che non è più intenzionato a presentare la mozione di sfiducia contro il sindaco lo dica chiaramente e non ci faccia perdere tempo. Non è possibile tollerare ulteriori ritardi. A dirlo è stato il capogruppo della Lega in Consiglio comunale, Igor Gelarda, che ha diffuso una nota insieme ai consiglieri del Carroccio Alessandro Anello ed Elio Ficarra.

“Sono mesi e mesi – hanno aggiunto – che i palermitani aspettano un segnale di speranza da parte delle opposizioni in Consiglio comunale. Non possiamo negarglielo”.

I rappresentanti della Lega hanno sottolineato di essere stati tra i primi a chiedere la mozione di sfiducia e tra quelli che hanno lavorato al testo. Da qui l’appello che, strategicamente, dopo i mal di pancia manifestatisi all’interno dell’Aula, è stato esteso anche a “tutti quei consiglieri di maggioranza che hanno a cuore le sorti della città”.

“Siamo pronti già da un paio d’anni – ha aggiunto Gelarda – a dare il segnale inequivocabile che il centrodestra è pronto a prendere in mano le redini di questa città, a governarla nonostante le macerie che questa Amministrazione lascerà in eredità”.

“La mozione – ha concluso la Lega – va presentata subito, se ci sono modifiche migliorative da apportare al testo, che è già abbastanza complesso, siamo pronti a lavorare sin da subito con gli altri, ma la città non può più aspettare”.

All’appello della Lega hanno risposto i rappresentanti del Movimento 5 stelle (con in testa i consiglieri Antonino Randazzo, Concetta Amella e Viviana Lo Monaco), i quale hanno sottolineato la propria disponibilità a sostenere la mozione.

“Palermo – hanno affermato i pentastellati – deve cambiare pagina e non può attendere il 2022. In questi mesi noi siamo sempre stati disponibili a sottoscrivere qualsiasi mozione di sfiducia. Da parte nostra nessun tentennamento o ripensamento, anzi il rammarico di non avere ancora depositato la mozione di sfiducia”.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684