Omicidio Lauriano a Partinico, in manette il presunto assassino - QdS

Leonardo Lauriano, arrestato il presunto assassino: avrebbe ucciso per motivi economici

web-sr

Leonardo Lauriano, arrestato il presunto assassino: avrebbe ucciso per motivi economici

web-sr |
lunedì 04 Luglio 2022 - 10:22

Svolta nelle indagini per la morte dell'anziano assassinato a Partinico nel novembre 2021, in manette un 75enne del posto

A Partinico (Palermo), i carabinieri della locale Compagnia, su delega della Procura della Repubblica di Palermo, hanno eseguito un’ordinanza di applicazione della misura cautelare della custodia in carcere emessa dal G.I.P. del Tribunale del capoluogo nei confronti di un 75enne partinicese, che, secondo l’ipotesi accusatoria, è ritenuto responsabile dell’omicidio di Leonardo Lauriano, pensionato 88enne di Partinico ucciso con numerose coltellate il 5 novembre del 2021.

Le indagini dei carabinieri

Le indagini, condotte ininterrottamente dai militari dell’Arma dal rinvenimento del cadavere dell’anziano, avvenuto alle ore 19 circa del 5 novembre scorso all’interno del garage dell’abitazione, fino al mese di maggio 2022, hanno consentito di raccogliere un grave quadro indiziario a carico del presunto autore del delitto, condiviso dall’Autorità giudiziaria nel provvedimento cautelare personale.

In particolare, grazie agli accertamenti tecnici svolti sui reperti in sequestro, è stato possibile rinvenire tracce biologiche riconducibili alla vittima su alcuni oggetti e capi di abbigliamento appartenuti all’indagato, oltre al fatto che dall’esame dei filmati degli impianti di videosorveglianza presenti nei pressi dell’abitazione di Lauriano sono stati ricostruiti gli spostamenti dell’indagato il 5 novembre scorso e ne è stata documentata la presenza nei pressi della scena del crimine.

Lauriano ucciso per questioni economiche

Sulla base delle ricostruzioni investigative è stato possibile anche ipotizzare il movente del delitto, che sarebbe riconducibile a un forte risentimento maturato dall’indagato nei confronti della vittima per questioni economiche.

Giova precisare che il soggetto arrestato è, allo stato, indiziato in merito al reato contestato e che la sua posizione sarà definitiva solo dopo l’emissione di una sentenza passata in giudicato, in ossequio al principio costituzionale della presunzione di innocenza

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684