Business e servizio: crescono anche in Sicilia le imprese sociali - QdS

Business e servizio: crescono anche in Sicilia le imprese sociali

Patrizia Penna

Business e servizio: crescono anche in Sicilia le imprese sociali

venerdì 23 Agosto 2019 - 04:00
Business e servizio: crescono anche in Sicilia le imprese sociali

La Camera di commercio di Milano Monza Brianza Lodi: forte presenza femminile ma pochi giovani. Duemila le aziende di questo tipo attive a Palermo e a Catania, ma a Milano sono cinquemila e a Roma addirittura 6.229

ROMA – Un settore con forte presenza femminile ma pochi giovani: parliamo delle imprese sociali.

Circa un’impresa su tre tra quelle che operano nel nostro Paese è rosa mentre i giovani pesano il 5% circa come le imprese estere. Quelle attive in Italia sono complessivamente circa settantamila.
Nel primo trimestre 2019 sono cresciute complessivamente del 3% rispetto allo stesso periodo del 2018. Rispetto al 2014, invece, la crescita registrata è del 19%.
Sono questi alcuni dei dati frutto di una elaborazione della Camera di commercio di Milano Monza Brianza Lodi sui dati registro delle imprese al primo trimestre 2019, 2018 e 2014.

Prima nella classifica delle città italiane con il maggior numero di imprese sociali è Roma con 6.229 aziende e 87 mila addetti, seguita da Milano (5 mila imprese e 74 mila addetti), Napoli (4 mila imprese e 31 mila addetti). Poi ci sono Torino (3 mila imprese), Palermo, Bari e Catania (2 mila).

Guardando alla classifica delle regioni, invece, a farla da padrona è la Lombardia con 12 mila imprese attive nel 2019 che danno lavoro a 191mila addetti su 832mila a livello nazionale.
è il settore dell’istruzione il più numeroso, 4.825 sedi di impresa in Lombardia e 28 mila in Italia, seguito dall’assistenza sanitaria con rispettivamente 3.671 e 20.247 imprese.

Un settore da 32 miliardi in Italia, di cui 8 miliardi concentrati in Lombardia. Sono 4,5 miliardi a Milano e 3,6 miliardi a Roma.
Per Guido Bardelli, membro di Giunta Camera di Commercio di Milano Monza Brianza Lodi: “L’attenzione al sociale è un segnale importante di qualità della vita e le nostre imprese riescono a offrire dei servizi al passo con i rapidi cambiamenti dal punto di vista demografico e di esigenze emergenti nella popolazione. Una opportunità di business e al tempo stesso un servizio capace di valorizzare e rendere più attrattive e vivibili le nostre realtà territoriali”.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684