Papa Francesco apre alle unioni civili tra gay ma matrimonio è altra cosa - QdS

Papa Francesco apre alle unioni civili tra gay ma matrimonio è altra cosa

web-dr

Papa Francesco apre alle unioni civili tra gay ma matrimonio è altra cosa

web-dr |
mercoledì 15 Settembre 2021 - 18:44

"Il matrimonio - ha ricordato nel ‘intervista con i media trasmessa da Tv2000 - è un sacramento, la Chiesa non ha potere di cambiare i sacramenti così come il Signore li ha istituiti".

Sì alle unioni civili tra persone omosessuali ma nulla a che vedere con il matrimonio “che è tra uomo e donna”. Quanto all’aborto è “un omicidio, senza mezze parole”. A sottolinearlo papa Francesco sul volo di ritorno dalla Slovacchia. “Il matrimonio – ha ricordato nel ‘intervista con i media trasmessa da Tv2000 – è un sacramento, la Chiesa non ha potere di cambiare i sacramenti così come il Signore li ha istituiti. Ci sono leggi che cercano di aiutare le situazioni di tanta gente che ha un orientamento sessuale diverso”.

“E’ importante – ha quindi detto – gli Stati hanno la possibilità civilmente di sostenerli, di dare loro sicurezza di eredità, salute, non solo per gli omosessuali, ma per tutte le persone che vogliono associarsi. Ma il matrimonio è matrimonio. Questo non vuol dire condannarli, sono fratelli e sorelle nostri, dobbiamo accompagnarli. Ci siano leggi civili, per le vedove ad esempio, che vogliano associarsi con una legge per avere servizi… c’è il Pacs francese, ma niente a che vedere con il matrimonio come sacramento, che è tra un uomo e una donna”. “Delle volte creano confusione – ha quindi sottolineato Bergoglio – Sono fratelli e sorelle tutti uguali, il Signore è buono, vuole la salvezza di tutti, ma per favore non fare che la Chiesa rinneghi la sua verità. Tante persone di orientamento omosessuale si accostano alla penitenza, chiedono consiglio al sacerdote, la Chiesa li aiuta, ma il sacramento del matrimonio è un’altra cosa”.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684