Papa Francesco sarà in Slovacchia fino a mercoledì prossimo - QdS

Papa Francesco sarà in Slovacchia fino a mercoledì prossimo

redazione web

Papa Francesco sarà in Slovacchia fino a mercoledì prossimo

lunedì 13 Settembre 2021 - 07:08

Si tratta della seconda tappa del suo viaggio. Il Pontefice proveniva da Budapest, dove ha incontrato Orban. Poi la messa per il congresso eucaristico internazionale. Stamattina l'arrivo a Bratislava

Papa Francesco, conclusa la sua visita di poche ore a Budapest per la messa conclusiva del 52/o Congresso eucaristico internazionale, è arrivato in Slovacchia, seconda tappa del suo viaggio, dove resterà fino a mercoledì prossimo.

L’aereo del Pontefice è atterrato nell’aeroporto internazionale di Bratislava, dove Francesco è stato accolto dalla presidente della Repubblica Zuzana Caputova.

Previsti due incontri: uno ecumenico e uno privato con i membri della Compagnia di Gesù.

“Quando alla nostra porta bussa la mano straniera con sincera fiducia (..), sul nostro tavolo ci sarà il dono di Dio ad attenderlo”.

Lo ha detto il Papa citando un poeta slovacco nell’incontro ecumenico a Bratislava.

“Il dono di Dio sia presente sulle tavole di ciascuno perché, mentre ancora non siamo in grado di condividere la stessa mensa eucaristica, possiamo ospitare insieme Gesù servendolo nei poveri – ha aggiunto – e sarà un segno più evocativo di molte parole che aiuterà la società civile a comprendere, specialmente in questo periodo sofferto, che solo stando dalla parte dei più deboli usciremo davvero tutti insieme dalla pandemia”.

La visita in Ungheria

L’aereo Alitalia con a bordo il Pontefice è atterrato all’aeroporto della capitale magiara, dove ad accogliere Francesco è il vice primo ministro Zsolt Semjen.

Il Pontefice, nel Museo delle Belle Arti di Budapest, ha incontrato il primo ministro Viktor Orban e il presidente della Repubblica d’Ungheria, Janos Ader.

L’incontro di papa Francesco a Budapest con il presidente della Repubblica d’Ungheria Janos Ader, con il primo ministro Viktor Orban e il vice primo ministro Zsolt Semjen “si è svolto in un clima cordiale”, secondo la Sala stampa vaticana.

Erano presenti, con il Pontefice, anche il card. Pietro Parolin, segretario di Stato, e mons. Gallagher, segretario per i Rapporti con gli Stati.

Tra i vari argomenti trattati, “il ruolo della Chiesa nel Paese, l’impegno per la salvaguardia dell’ambiente, la difesa e la promozione della famiglia”.

“Ho chiesto a Papa Francesco di non lasciare che l’Ungheria cristiana perisca” ha scritto Orban sul suo profilo Facebook dopo l’incontro col Pontefice.

Francesco ha incontrato i vescovi d’Ungheria, quindi il Consiglio ecumenico delle Chiese con le comunità ebraiche.

“Ogni volta che c’è stata la tentazione di assorbire l’altro – ha detto – non si è costruito, ma si è distrutto; così pure quando si è voluto ghettizzarlo, anziché integrarlo. Quante volte nella storia è accaduto! Dobbiamo vigilare e pregare perché non accada più. E impegnarci a promuovere insieme una educazione alla fraternità, così che i rigurgiti di odio che vogliono distruggerla non prevalgano. Penso alla minaccia dell’antisemitismo, che ancora serpeggia in Europa e altrove. È una miccia che va spenta”.

“In questo Paese voi, che rappresentate le religioni maggioritarie, avete il compito – ha aggiunto in un altro passaggio – di favorire le condizioni perché la libertà religiosa sia rispettata e promossa per tutti”.

“E avete un ruolo esemplare verso tutti – ha aggiunto il Pontefice -: nessuno possa dire che dalle labbra degli uomini di Dio escono parole divisive, ma solo messaggi di apertura e di pace. In un mondo lacerato da troppi conflitti è questa la testimonianza migliore che deve offrire chi ha ricevuto la grazia di conoscere il Dio dell’alleanza e della pace”.

Infine, in Piazza degli Eroi, Francesco ha celebrato la messa conclusiva del 52/o Congresso eucaristico internazionale e ha recitato l’Angelus.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684