riapertura-cinema-teatri--proposta-ministro-franceschini

Riaperture teatri, il sindaco di Siracusa risponde a Franceschini

web-mp

Riaperture teatri, il sindaco di Siracusa risponde a Franceschini

web-mp |
giovedì 15 Aprile 2021 - 17:54

Il sindaco di Siracusa e presidente Inda, risponde criticando la proposta del ministro Franceschini : “il limite di mille posti sarebbe insufficiente per le esigenze degli spettacoli classici siracusani”

Una nuova stagione di
riaperture in sicurezza per cinema, teatri e sale da concerto
. Il ministro
della Cultura, Dario Franceschini, propone regole nuove, e meno
stringenti, rispetto allo scorso anno. Franceschini ha incontrato il Comitato
tecnico scientifico proprio sul tema della ripartenza delle attività culturali.
In particolare, per i teatri all’aperto in estate, il limite sarebbe di
mille posti
.

Dalla città di Siracusa, dove il
Teatro Greco è per antonomasia il Teatro all’aperto ed ospita anno il ciclo
delle rappresentazioni classiche, il sindaco Francesco Italia e presidente
della Fondazione Inda
, ha risposto al ministro Franceschini.

“In un anno “normale”, si legge
da una nota -, un anno senza pandemia e senza la drammatica conta giornaliera
di morti e contagiati, Siracusa da molte settimane ormai sarebbe in gran
fermento, e oggi si appresterebbe all’inaugurazione della nuova stagione delle
Rappresentazioni classiche.

Sono un evento grandioso – lo
dico per chi non ha mai assistito agli spettacoli del Teatro greco – che si
ripete da 107 anni, sul quale Siracusa ha costruito gran parte della sua
immagine nel mondo e ha fatto crescere un pezzo consistente della sua economia.

La stagione della Fondazione Inda
– prosegue il sindaco di Siracusa-, non è solo un appuntamento culturale
realizzato all’aperto nel più grande (e meglio conservato) teatro antico
d’Occidente: essa è un avvenimento che coinvolge tutta la città.
Progressivamente, da febbraio a luglio, non c’è ente pubblico, organizzazione
culturale, attività legata al turismo – per non parlare delle centinaia di
maestranze direttamente coinvolte negli spettacoli – che non si organizzi per
accogliere al meglio i 150 mila spettatori che arrivano a Siracusa per
assistere al mese e mezzo di repliche nella cavea del colle Temenite.

È partendo da questo dato di
realtà che sento di non condividere l’anticipazione fatta ieri dal ministro
Franceschini alla Camera
, rispondendo a un’opportuna interrogazione
dell’onorevole Ficara
(il parlamentare nazionale del Movimento 5 Stelle ha
chiesto al ministro Franceschini la possibilità di aumentare del 50% la
capienza massima, ndr).

Il limite di mille posti
(salvo deroghe regionali), in vista di una riapertura estiva – sottolinea
Italia-, fissato dal ministro per i contenitori all’aperto, è ampiamente
insufficiente
per le esigenze degli spettacoli classici siracusani e
sarebbe, per altro, immotivato se rapportato all’ampiezza del nostro teatro,
che potrebbe tranquillamente ospitare fino a duemila spettatori nel pieno
rispetto dei protocolli e del distanziamento sociale.

Il limite dei duemila posti
non è stabilito a caso
ma è il frutto di analisi e valutazioni
costi/benefici sviluppate, già dall’esplodere della pandemia, all’interno del
Cda della Fondazione Inda.

La forza delle Rappresentazioni classiche si basa essenzialmente su due pilastri: l’unicità della proposta culturale (le tragedie dei grandi autori greci recitate nel loro contesto naturale) e la grandiosità della messa in scena. Sono i veri motivi di richiamo di un pubblico che nei numeri non ha eguali nel teatro italiano e che consentono, allo stesso tempo, di rendere l’evento economicamente sostenibile.

Gli spettacoli dell’Inda
conclude il sindaco di Siracusa – riescono a reggersi autonomamente per il
70 per cento grazie allo sbigliettamento
, e già portare la capienza del
teatro a duemila spettatori significherà per la Fondazione sottoporsi a nuovi
sacrifici
e dover richiedere ulteriori aiuti pubblici, per altro tagliati
nel corso degli anni”.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684