Rifugiati, l’Unhcr conclude la sua missione in Sicilia - QdS

Rifugiati, l’Unhcr conclude la sua missione in Sicilia

Raffaella Pessina

Rifugiati, l’Unhcr conclude la sua missione in Sicilia

sabato 04 Luglio 2020 - 00:00
Rifugiati, l’Unhcr conclude la sua missione in Sicilia

Chiara Cardoletti, rappresentante per l’Italia dell'organismo dell'Onu: “Dall'Isola un contributo chiave”. Nel 2019 sbarcato sulle nostre coste il 65% dei migranti giunti via mare in Italia

Mentre la Sicilia gode dell’attenzione dell’Agenzia Onu per i rifugiati, il presidente della Regione Nello Musumeci lamenta l’insensibilità del premier sull’emergenza accoglienza nell’Isola. Da giorni infatti sono ripresi gli sbarchi sulle coste siciliane e il Governatore ha dichiarato di avere scritto al premier senza però ottenere risposta.

“Il Governo sta dimostrando di essere insensibile nei confronti di una terra che è stata generosissima sul fronte dell’accoglienza – ha detto il Presidente della Regione -. Adesso chiede di essere aiutata. Invece, mentre cerca di rialzarsi, il governo nazionale gli spara l’ennesimo colpo alla nuca”.

Un’accusa pesante che il presidente della Regione siciliana, rivolge al Governo nazionale sulla gestione della questione immigrazione. Due giorni fa ad Augusta sono arrivati 43 migranti, 8 sono positivi al Coronavirus e si trovano a Noto, nel Siracusano. “Quelli dell’Usmaf, i sanitari del ministero della Salute, non hanno fatto gli accertamenti sulla nave – ha affermato Musumeci -. Le norme, però, prescrivono il contrario: vanno controllati prima di sbarcare. Non si vogliono noleggiare le navi. Si ritiene più comodo trovare un qualunque prefetto disposto a dire signorsi’ agli ordini romani. Salvo poi fare pressione sui sindaci”.

Diverso il parere invece di Chiara Cardoletti, rappresentante da poche settimane dell’Agenzia Onu per i rifugiati per l’Italia, la Santa Sede e San Marino, che ha appena concluso la sua prima visita sul campo. Cardoletti ha voluto subito visitare la Sicilia, territorio che da sempre è in prima linea nella gestione degli arrivi via mare di rifugiati e migranti e che ha dimostrato un impegno costante attraverso il coinvolgimento in progetti cruciali per l’integrazione dei rifugiati più vulnerabili. “La Sicilia fornisce un contributo chiave all’Italia non solo nel garantire soccorso ed assistenza alle persone in pericolo nel Mediterraneo, ma anche attraverso politiche volte a sostenere i rifugiati nel loro percorso verso il raggiungimento dell’autonomia, condizione necessaria per favorire l’integrazione nella società italiana”, ha concluso la Rappresentante Unhcr Chiara Cardoletti.

Nel 2019 sono sbarcati sulle coste siciliane il 65% degli arrivi via mare in Italia. L’Unhcr continuerà la stretta collaborazione con le amministrazioni locali, con la Guardia Costiera e la Guardia di Finanza, per assicurare alla regione il supporto delle Nazioni Unite nel rispetto del mandato di protezione dei rifugiati che guida l’Agenzia a livello globale. Nel corso dei tre giorni di visita, la Rappresentante Unhcr ha incontrato a Catania le organizzazioni della società civile, e partner di Unhcr, che si occupano di donne migranti e rifugiate vittime di violenza (Lila e centro antiviolenza Thamaia), ha visitato un centro di accoglienza per minori stranieri non accompagnati e l’hotspot di Pozzallo, dove è stata ricevuta dalle istituzioni locali, il sindaco Salvatore Ammatuna ed i rappresentanti della Prefettura e della questura. Ha concluso la sua visita a Lampedusa, dove ha visitato l’hotspot e incontrato il rappresentanti della prefettura, della guardia costiera e della guardia di finanza ed il sindaco Salvatore Martello.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684