Scuola, Bianchi: "Pronti a tutto. Settimana corta? Mai discusso" - QdS

Scuola, Bianchi: “Pronti a ogni evenienza. Settimana corta? Governo non ne ha mai parlato”

web-sr

Scuola, Bianchi: “Pronti a ogni evenienza. Settimana corta? Governo non ne ha mai parlato”

web-sr |
lunedì 12 Settembre 2022 - 08:53

Lo ha dichiarato ministro dell'Istruzione Patrizio Bianchi intervistato da Uno Mattina. "Teniamo monitorata la situazione", ha sottolineato

È la scuola della ripartenza di tutto il Paese, che ha bisogno di ripartire, di guardarsi negli occhi. Il Governo ha ritenuto che la fase di emergenza fosse conclusa”, lo ha detto il ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi intervistato da Uno Mattina su Raiuno, nel giorno in cui ricominciano le lezioni scolastiche in diverse Regioni italiane.

“Abbiamo perso molto – ha aggiunto – ma dobbiamo ringraziare la Dad perché ci ha permesso di tenere ancorati i nostri ragazzi. Teniamo monitorata la situazione, ma siamo pronti per ogni evenienza”.

Bianchi: “Mantenuto numero insegnanti pre-pandemia”

“Non mancano gli insegnanti. Abbiamo mantenuto il numero di docenti che avevamo prima del Covid e lo manterremo ancora per molti anni”.

Abbiamo 801mila insegnanti, di cui 650mila sono a tempo indeterminato. Chi sono gli altri? Più di 90mila sono di sostegno, poi abbiamo 25mila insegnanti che stanno concludendo il loro concorso”.

“Rimangono 45.000 insegnanti a tempo determinato che sostituiscono quelli vanno in aspettativa, in aspettativa, maternità. Noi all’apertura della scuola abbiamo tutti quelli di ruolo e tutti quelli a tempo determinato per le diverse funzioni”.

“Mai parlato di settimana corta”

Poi una precisazione sulla possibile adozione della cosiddetta “settimana corta”: “Il Governo non ne ha mai parlato perché siamo convinti che tutti dobbiamo affrontare le problematiche legate del caro energia, ma la scuola sia l’ultima. Abbiamo già dato”.

Articoli correlati

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684