Sicilia, cala il sipario sui lavoratori dello spettacolo, 1 su 4 è sparito per colpa del Covid - QdS

Sicilia, cala il sipario sui lavoratori dello spettacolo, 1 su 4 è sparito per colpa del Covid

Michele Giuliano

Sicilia, cala il sipario sui lavoratori dello spettacolo, 1 su 4 è sparito per colpa del Covid

martedì 29 Marzo 2022 - 06:00

Tra il 2019 e il 2020 solo in Sicilia, i lavoratori del comparto si sono ridotti di oltre tremila unità (-25%). Spedale (Rete Latitudini). "Il nostro settore ha perso oltre il 70% del volume d’affari"

Il mondo del lavoro legato allo spettacolo continua a soffrire fortemente dell’emergenza sanitaria: gli ultimi due anni sono stati veramente deleteri per l’intero settore e i numeri registrati dall’Inps sono uno specchio impietoso del danno subito, e di quanto sia difficile recuperare quanto è stato perso.

Nel 2019 erano 13.402 i lavoratori sul territorio siciliano, per quasi un milione e mezzo di giornate retribuite nell’anno solare, e una retribuzione di oltre 116 milioni di euro.

Il 2020 ha segnato una diminuzione netta: i lavoratori sono scesi a 10.017, con una riduzione percentuale di ben il 25,25%. I numeri sono ancora peggiori se si guarda alle giornate lavorative: nell’anno sono state svolte 945 mila giornate retribuite, con un taglio di quasi il 35%, per una retribuzione di 80 milioni di euro, -31% rispetto al 2019.
Oltre 3 mila persone, e famiglie, rimaste in mezzo ad una strada, e una perdita di retribuzione, in termini economici, di quasi 37 milioni di euro.

Una perdita ancora più ingente se si pensa che a livello nazionale i lavoratori persi lungo la strada sono stati il 21%, e soprattutto, le giornate retribuite sono diminuite soltanto dell’8%.

Unico fattore positivo per l’Isola: se a livello nazionale la retribuzione media giornaliera è diminuita dell’1,8%, in Sicilia si registra un aumento del 5%.
In Italia, nel 2020, sono stati 261.799 i lavoratori registrati dall’Inps, con un numero… CONTINUA LA LETTURA. QUESTO CONTENUTO È RISERVATO AGLI ABBONATI

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI
ABBONATI PER CONTINUARE LA LETTURA

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684