Siracusa, giunto al termine il progetto “Riscontro” - QdS

Siracusa, giunto al termine il progetto “Riscontro”

Luigi Solarino

Siracusa, giunto al termine il progetto “Riscontro”

venerdì 24 Gennaio 2020 - 00:00
Siracusa, giunto al termine il progetto “Riscontro”

L’evento conclusivo dell’iniziativa per le Amministrazioni si è svolto all’Urban Center di Siracusa. Sindaco, Giunta, Ifel e Presidenza del Consiglio hanno discusso per dare un seguito all’iniziativa

SIRACUSA – Presso l’Urban Center di Siracusa si è svolto l’evento conclusivo del progetto “Riscontro” in tema di contrasto all’evasione fiscale e riscossione locale.

Il progetto, che vede il Comune di Siracusa come capofila, è promosso dall’Autorità di Gestione del Pon (Programma operativo nazionale) “Governance e capacità istituzionale 2014-2020” per interventi mirati al trasferimento, evoluzione e diffusione di buone prassi fra Pubbliche Amministrazioni. Il progetto, finanziato nell’ambito dell’avviso Ocpa – Open community Pa 2020 – vuole essere il punto di partenza per lo sviluppo di una community di amministrazioni che lavori per il comune interesse dell’accertamento fiscale come leva per apportare benefici alla finanza pubblica, contribuendo a ridurre con sistematicità l’evasione esistente.

Riscontro”, iniziato nell’aprile del 2018, è volto al trasferimento, all’evoluzione e alla diffusione della buona pratica “SemplifiSco – Riscossione e contrasto all’evasione”. SemplifiSco aggrega oltre 60 banche dati comunali e nazionali, nella disponibilità dei Comuni, per individuare: i casi di evasione su tributi locali ed erariali, potenziando la capacità di accertamento; le informazioni sui debitori (ad es. l’analisi delle quote inesigibili in rapporto ai patrimoni detenuti e aggredibili) e i dati di monitoraggio, potenziando la capacità di riscossione. Al progetto hanno preso parte undici soggetti, ognuno con il proprio ruolo specifico. Si tratta dei Comuni di Ascoli Piceno, Firenze, Pescara, Pollica, Ugento, Venezia e Siracusa, mentre gli Enti cedenti la soluzione sono stati Ifel Fondazione Anci, il dipartimento per gli Affari regionali e le Autonomie della Presidenza del Consiglio dei Ministri, l’Unione dei Comuni modenesi di area Nord e il Comune di Lucca, contribuendo ciascuno sinergicamente con il proprio bagaglio di esperienza.

L’assessore comunale alle Politiche per l’innovazione, Rita Gentile, ha dichiarato: “L’attività avviata dal progetto ‘Riscontro’ tratta la riscossione del tributi locali che rappresentano uno degli argomenti più spinosi per gli enti locali. L’atavica carenza di liquidità e risorse finanziarie, unita alle difficoltà incontrate da un settore che presenta una sempre crescente complessità ed una evidente difficoltà a svolgere in maniera efficace il proprio ruolo, rende la sostenibilità degli enti locali sempre più precaria. Aumentare la capacità di riscossione dei comuni comporta che i tributi comunali ritornino al centro dell’attenzione di chi amministra per ottenere il miglioramento delle entrate dell’ente. Auspichiamo – ha concluso l’assessore – che l’esperienza del comune capoluogo, possa aprire a sua volta la strada all’uso dello stesso applicativo ad altre realtà locali, limitrofe alla Città, in una positiva logica di contagio delle buone pratiche”.

Il progetto ha lasciato in eredità modelli operativi di intervento, composti dal software, interamente Open source, da manuali e procedure, atti amministrativi e da lettere che possono consentire ad altre amministrazioni di riusare “SemplifiSco” in autonomia. A margine del convegno, il sindaco, Francesco Italia, e tutto il suo staff, l’Ifel e la Presidenza del Consiglio dei Ministri hanno discusso per creare i presupposti per una continuazione del progetto “Riscontro”, mirando ad una sua estensione anche presso altre amministrazioni locali del territorio siracusano.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684