Smart working, il 55% dei dipendenti degli Enti di ricerca pubblici vorrebbe prolungarlo - QdS

Smart working, il 55% dei dipendenti degli Enti di ricerca pubblici vorrebbe prolungarlo

redazione

Smart working, il 55% dei dipendenti degli Enti di ricerca pubblici vorrebbe prolungarlo

martedì 13 Ottobre 2020 - 00:00

ROMA – È stato recentemente presentato il rapporto “Indagine sullo Smart Working e questioni di genere negli enti di ricerca italiani durante l’emergenza Covid19”, dell’Istituto di ricerche sulla popolazione e le politiche sociali del Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr-Irpps). Lo studio fornisce una prima analisi dei carichi di lavoro, dei tempi dedicati a lavoro e famiglia e delle modalità per affrontare il cosiddetto lavoro agile da parte dei dipendenti degli enti di ricerca pubblici.

L’analisi è stata svolta su un campione di 2.721 persone tramite la rilevazione di un questionario online, con metodo Cawi, un sistema di somministrazione online dei questionari, avvenuta tra aprile e giugno 2020. Obiettivo dell’indagine è verificare le capacità di innovazione nel garantire la continuità del lavoro e di conciliazione vita privata-lavoro durante il periodo di smart working.

I risultati evidenziano un atteggiamento positivo dei dipendenti nei confronti del lavoro agile. “Il 45,5% degli uomini e il 41% delle donne ha ritenuto di aver svolto il proprio lavoro secondo le stesse modalità e standard, mentre il 37% degli uomini e il 40% delle donne ha ritenuto di aver lavorato di più”, afferma Sveva Avveduto del Cnr-Irpps e coordinatrice dello studio.

I principali fattori positivi dello smart working indicati dagli intervistati sono il risparmio di tempo negli spostamenti verso il posto di lavoro (per il 67% delle donne e il 66% degli uomini) e la flessibilità nella gestione dell’orario di lavoro (secondo il 49% delle donne e dal 51% degli uomini).

Tra gli aspetti negativi c’è al primo posto la perdita di socialità con i colleghi (secondo il 67% dei rispondenti uomini e il 66% delle rispondenti donne). Relativamente alla divisione del carico di lavoro domestico risulta che alle donne vengono delegati lo svolgimento delle pulizie (73%) e la cura dei figli (52%), mentre gli uomini si fanno carico di disbrigo di burocrazia (59%) e piccole riparazioni (56%).

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684