Spagna, Sànchez vuole abolire la prostituzione, in oltre mille locali è praticata - QdS

Spagna, Sànchez vuole abolire la prostituzione, in oltre mille locali è praticata

web-mp

Spagna, Sànchez vuole abolire la prostituzione, in oltre mille locali è praticata

web-mp |
martedì 19 Ottobre 2021 - 07:30

Il premier vorrebbe multe anche per i clienti e per chi affitta e mette a disposizione i locali. In tutto il Paese ci sarebbero circa 1.400 club in cui si pratica la prostituzione

Durante il congresso del Partito socialista spagnolo, il capo del governo Pedro Sànchez ha ribadito la sua volontà di abolire la prostituzione.

Spagna, ad oggi sanzioni per protettori e sfruttatori ma non per chi offre prestazioni

Non sono invece infatti previste misure per chi offre prestazioni a pagamento di sua volontà, purché non lo faccia in luoghi pubblici. Il premier vorrebbe invece multe anche per i clienti e per chi affitta e/o mette a disposizione i locali.

Quanto vale la prostituzione in Spagna?

Si tratterebbe di un’industria da
vale circa 3,7 milioni di euro secondo una stima dell’Onu del 2016. Il paese
iberico sarebbe uno dei maggiori centri mondiali per la prostituzione dopo
Thailandia e Porto Rico. In più, secondo un sondaggio del 2009, almeno uno
spagnolo su tre ha dichiarato di aver pagato per delle prestazioni sessuali.
Una pratica che già nel programma elettorale il premier aveva definito come
“una delle peggiori forme di violenza verso le donne”.

“Avanzeremo rafforzando l’Europa. E avanzeremo abolendo la prostituzione, che schiavizza le donne” ha dichiarato Sànchez nel corso del congresso di Valencia. Dal momento infatti che la legge vieta la prostituzione nei luoghi pubblici, si sono creati vari locali, case e alberghi dove poterla praticare indisturbati. Secondo i dati diffusi dalla polizia, in tutto il Paese ci sarebbero circa 1.400 club in cui si pratica la prostituzione.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684