Strage di Pasqua in Sri Lanka, una delle vittime viveva a Catania - QdS

Strage di Pasqua in Sri Lanka, una delle vittime viveva a Catania

redazione

Strage di Pasqua in Sri Lanka, una delle vittime viveva a Catania

lunedì 22 Aprile 2019 - 20:22
Strage di Pasqua in Sri Lanka, una delle vittime viveva a Catania

Haysinth Rupasingha era una cingalese di 55 anni che aveva lasciato in Sicilia il marito per raggiungere la figlia. La solidarietà dell'arcivescovo Gristina. A Palermo l'arcivescovo Lorefice ha rivolto una preghiera "contro l'orrore".

In Sri Lanka caccia ai membri del gruppo jihadista National Thowheed Jamath per la strage di Pasqua a Colombo.

L’attacco dei kamikaze, che ha causato almeno 290 vittime, è stato messo a punto anche grazie a una rete internazionale.

Tra le vittime degli attentati c’è anche una cingalese di 55 anni, Haysinth Rupasingha, che lavorava come badante e abitava a Catania fin dagli anni Novanta con il marito, suo connazionale.

La donna ha perso la vita mentre era nella chiesa di San Sebastiano a Katuwapitiya nella provincia di Negombo.

Haysinth Rupasingha, lasciato il marito a Catania dove questo aveva impegni di lavoro, era tornata nel suo Paese d’origine per trascorrere le vacanze pasquali in compagnia di amici e parenti in attesa di proseguire per l’Australia dove vive la sua unica figlia.

La notizia è stata resa nota dalla Migrantes di Catania, diretta dal diacono Giuseppe Cannizzo.

Il marito è adesso partito per lo Sri Lanka.

La donna frequentava assiduamente la chiesa di Santa Maria dell’Ogninella, punto di riferimento di tutta la comunità cattolica etnea dello Sri Lanka a cui ha espresso solidarietà l’arcivescovo Salvatore Gristina e tutta la diocesi.

Una veglia di preghiera si terrà il 25 aprile alle 18, presieduta dal vicario di Catania, Salvatore Genchi, e dal cappellano srilankese, Michael Cansius Perera.

La Chiesa cattolica si è schierata contro gli attentati.

“Tutti condannino questi atti disumani”, ha detto il Papa e l’arcivescovo di Palermo, Corrado Lorefice, ha inviato a padre Sergio Natoli, responsabile Migrantes, un “messaggio di vicinanza” alla locale “cara comunità dello Sri Lanka”.

Mons. Lorefice ha espresso “solidarietà” e “assicurato” la sua “preghiera per le vittime, le famiglie e per le comunità cristiane coinvolte negli attentati di ieri”.

“Sento tutto l’orrore dell’accaduto – ha aggiunto l’arcivescovo di Palermo – e l’unica consolazione ci viene dalla Pasqua del Signore Gesù. Questo ennesimo fiume di sangue ci responsabilizza a chiedere con insistenza la venuta del Regno e a divenire operatori di pace e di giustizia”.

Mons. Lorefice ha chiesto inoltre, che “si elevino preghiere, per le vittime e le famiglie e per la conversione dei terroristi, in tutte le comunità cristiane dell’arcidiocesi”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684