Tra una settimana le elezioni regionali, la Questura dà la piazza di Bibbiano a Salvini e non alle Sardine - QdS

Tra una settimana le elezioni regionali, la Questura dà la piazza di Bibbiano a Salvini e non alle Sardine

redazione web

Tra una settimana le elezioni regionali, la Questura dà la piazza di Bibbiano a Salvini e non alle Sardine

domenica 19 Gennaio 2020 - 09:53

Ultima settimana di campagna elettorale prima delle elezioni regionali in Emilia Romagna e in Calabria, con tutti in campo alla caccia dell’ultimo voto.

Occhi soprattutto sulla sfida in Emilia-Romagna, dove lo scontro tra la destra e tutte le altre forze politiche è sempre più acceso.

Un duello, tra l’altro, che va al di là dello scontro tra partiti, per la contrapposizione tra la destra e il movimento civile delle sardine, che oggi torna in piazza, a Bologna, nello stesso luogo dove ha manifestato per la prima volta.

Da notare che la Questura di Reggio Emilia, nonostante la piazza di Bibbiano fosse stata “prenotata” prima dalle Sardine, l’abbia concessa invece all’ex ministro dell’Interno Matteo Salvini.

“La Bestia è riuscita di nuovo a strumentalizzare – ha commentato il movimento dopo l’incontro con la Questura -. I cittadini di Bibbiano avevano chiesto di non fare nulla”, nessun comizio, “e noi avevamo domandato a Salvini di rinunciare, ma lui ha detto no. Dice sempre ‘prima gli italiani’, così smentisce sé stesso”.

Da sottolineare che Salvini, dopo aver chiesto pieni poteri facendo cadere il precedente governo, è sempre più un uomo solo al comando e da Maranello, il capo della Lega ha continuato a estremizzare tutto affermando che quello del 26 gennaio “non è un voto regionale ma una scelta di vita”.

Da Imola, Nicola Zingaretti, segretario del Pd, ha invece sottolineato come la leghista Lucia Borgonzoni, quella della sceneggiata al Senato con la maglietta “Parlateci di Bibbiano” e che non ha mai chiesto scusa al sindaco Andrea Carletti, è stata cancellata da una campagna elettorale che vede come protagonista il solo Salvini.

“Una candidatura debole, se non finta” ha commentato.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684