Trapani, Villa Rosina, primo passo verso la riqualificazione - QdS

Trapani, Villa Rosina, primo passo verso la riqualificazione

Vincenza Grimaudo

Trapani, Villa Rosina, primo passo verso la riqualificazione

sabato 09 Gennaio 2021 - 00:00
Trapani, Villa Rosina, primo passo verso la riqualificazione

Si tratta di uno dei quartieri periferici simbolo della città di Trapani. L’amministrazione comunale ha affidato a un team di ingegneri la “validazione” del progetto esecutivo da 5 milioni di euro

TRAPANI – Primo mattone verso la riqualificazione di uno dei quartieri periferici simbolo della città di Trapani.
Il Comune ha aggiudicato l’appalto relativo al quinto stralcio delle opere di urbanizzazione del quartiere “Villa Rosina”.
Si tratta dell’affidamento in particolare della “verificazione del progetto” che consiste nella realizzazione delle nuove condotte fognarie e dei nuovi impianti di pubblica illuminazione in un quartiere densamente abitato. In pratica è stato affidato l’incarico professionale per i servizi di ingegneria necessari per verificare il piano progettuale elaborato.

L’appalto è stato affidato alla società Team Engineering srl di Palermo che adesso, con un importo di circa 50 mila euro, sarà chiamata a dare la propria consacrazione per arrivare quindi all’approvazione del progetto esecutivo. Un passaggio obbligato da parte del Comune in quanto i progetti di opere pubbliche vanno preliminarmente verificati per vedere se rispettano gli obiettivi prefissati e le norme.

Di solito nei progetti sotto un milione di euro la verifica e la successiva validazione la fa il Rup, il responsabile unico del procedimento e dunque personale interno al Comune. Nel caso però di questo appalto per “Villa Rosina”, che ammonta a ben 5 milioni di euro, si supera la soglia comunitaria e bisogna quindi dar seguito alle linee guida dell’Anac, l’autorità anticorruzione, che stabilisce che ci vuole un organismo di ispezione certificato in questi casi. Il Comune di Trapani, non avendo tale organismo al suo interno, è costretto ad affidare l’appalto all’esterno. “

Grazie all’aggiudicazione di tale servizio, auspicando che non ci siano altri intoppi burocratici, – afferma il sindaco Giacomo Tranchida – sarà finalmente auspicabile entro il 2021 appaltare i lavori, così da garantire eguale dignità ai cittadini di Villa Rosina, che per anni sono stati abbandonati da una politica miope, pronta a presentarsi ad ogni campagna elettorale per rinverdire promesse poi costantemente disattese.
Cambiare significa mantenere gli impegni presi ed oggi l’amministrazione da me guidata può dire a voce alta di essere rispettosa a quanto previsto nel programma presentato in campagna elettorale”.

“Dopo tale importante atto – aggiunge l’assessore ai Lavori pubblici Dario Safina – sarà mia cura vigilare affinché l’attività di verificazione venga svolta nel più breve tempo possibile, così da poter immediatamente chiedere alla Regione Siciliana l’adempimento di quanto statuito dagli organi giudiziari che hanno condannato la stessa a corrispondere al Comune i fondi necessari all’esecuzione delle opere”.

Su “Villa Rosina” non è il primo investimento che l’amministrazione comunale ha programmato. Recentemente proprio Trapani, attraverso un progetto di mobilità sostenibile, è stata prescelta da InvestItalia e Presidenza del consiglio dei ministri come “città pilota” nell’ambito dell’avviso pubblico “Italy city branding 2020, bando in cui si dovevano scegliere 20 città-modello in Italia con le quali elaborare e attuare un piano di investimenti. Nel piano presentato dal Comune trapanese figura, tra le altre cose, la realizzazione di una passerella ciclopedonale che colleghi il quartiere di “Villa Rosina” con il resto della città. Questa parte di città è stato oggetto di un “Piano particolareggiato di recupero edilizio” e sono state progettate le opere di urbanizzazione primaria.

Il progetto esecutivo del completamento dell’opera prevede un costo complessivo di 12 milioni e mezzo, e quello per cui è stata avviata la “validazione” è uno stralcio.

Tag:

Potrebbe interessarti anche:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684