A Cassibile, una struttura per i lavoratori stagionali - QdS

A Cassibile, una struttura per i lavoratori stagionali

Luigi Solarino

A Cassibile, una struttura per i lavoratori stagionali

mercoledì 14 Ottobre 2020 - 00:00
A Cassibile, una struttura per i lavoratori stagionali

Convenzione siglata dal primo cittadino Italia e dal prefetto Scaduto. Dal ministero degli Interni 242.000 euro. Fissato come termine per la realizzazione del centro la prossima stagione di raccolta estiva

SIRACUSA – A Cassibile sorgerà una struttura per l’accoglienza dei lavoratori stagionali extra comunitari. Lo stabilisce la convenzione siglata dal primo cittadino di Siracusa, Francesco Italia, e dal Prefetto, Giuseppa Scaduto.

La struttura ospiterà tutti i lavoratori stagionali extra comunitari che, fino allo smantellamento di qualche mese fa, vivevano in insediamenti spontanei e privi dei fondamentali requisitivi igienici e sanitari.

Lo scorso mese di agosto il Comune di Siracusa ha predisposto il “Progetto di attrezzamento campi lavoratori stagionali nella frazione di Cassibile” per una somma di 242.000 euro, finanziato dal Ministero degli Interni che ha anticipato l’accreditamento dei fondi alla Prefettura, assicurandone quindi la copertura finanziaria. Inoltre, saranno utilizzate le 17 unità abitative composte da moduli prefabbricati, destinate all’hotspot al porto di Augusta e che la Prefettura ha concesso al Comune aretuseo a titolo di comodato gratuito.

La convenzione tra i due Enti si è resa necessaria per la mancanza all’interno della piana organica della Prefettura di personale, soprattutto tecnico, per sviluppare e portare avanti la parte esecutiva dell’opera. Il Comune si occuperà di tutta la parte tecnica e burocratica della realizzazione del centro fino all’aggiudicazione dei lavori, alla loro direzione, ai collaudi e alla contabilità.

L’impegno finanziario sarà invece totalmente a carico della Prefettura. Il Comune e la Prefettura hanno fissato come termine per la realizzazione della struttura d’accoglienza la prossima stagione di raccolta estiva.

Il sindaco Italia ha affermato: “Un problema annoso e mai affrontato in maniera sinergica da parte di tutti gli Enti, le Istituzioni e le categorie interessate. Così questi lavoratori, da opportunità sono diventati un problema, abbandonati a loro stessi e vittime del caporalato. Adesso attrezzeremo un vero e proprio campo di Protezione civile che ospiterà i lavoratori stagionali con regolare permesso di soggiorno”.

“Questa struttura che andremo a realizzare – ha aggiunto il sindaco – è una prima misura che va ad integrarsi con i progetti rientranti nel FAMI (Fondo Asilo Migrazione e Integrazione) finanziati per quasi 1 milione di euro, in due dei quali il Comune è capofila. Il primo, che ha una dotazione finanziaria di oltre 600mila euro, è denominato ISIM, ed è finalizzato alla “Integrazione Sanitaria Innovativa Multilivello”; il secondo, il “Comune dei popoli” finanziato per 460mila euro, prevede tra l’altro la creazione di uno sportello di orientamento, e la formazione di dipendenti pubblici e del privato sociale per l’accesso ai servizi pubblici da parte dei migranti”.

Il Prefetto Scaduto ha detto: “La convenzione consentirà la realizzazione delle opere infrastrutturali necessarie per il completamento della struttura che risolverà il primo problema, quello dell’accoglienza. E’ il primo step, cui ne seguiranno altri, tutti finalizzati alla realizzazione di un sistema legale di utilizzo delle prestazioni di questi lavoratori”.

L’assessore alle Politiche di inclusione, Rita Gentile, che ha seguito l’iter della convenzione, ha dichiarato: “Un risultato che premia due anni di un lavoro, iniziato dal mio predecessore Giovanni Randazzo e portato avanti in maniera sinergica dalle Istituzioni, dalle associazioni di categoria e dal mondo del volontariato”.

Tag:

Potrebbe interessarti anche:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684