Università: un master su antimafia e anticorruzione - QdS

Università: un master su antimafia e anticorruzione

redazione

Università: un master su antimafia e anticorruzione

mercoledì 29 Maggio 2019 - 00:00
Università: un master su antimafia e anticorruzione

Si conclude a Palermo. Lezioni di magistrati, studiosi e giornalisti. Gli Atenei coinvolti sono quelli di Pisa, Torino, Napoli e Palermo

PALERMO – Due lectio magistralis, di Gian Carlo Caselli e Federico Cafiero De Raho, per il nuovo modulo di Palermo del Master Apc, il primo master inter universitario antimafia e anticorruzione, nato da una convenzione fra quattro università (Pisa, Torino, Napoli e Palermo) e Libera.

In ogni città, vengono affrontati aspetti particolari, all’interno di un percorso che dura cinque settimane in ciascun ateneo. “A Palermo, dove si conclude simbolicamente il percorso formativo, si svolgeranno lezioni sulla legislazione penale, le tecniche e le politiche per il contrasto alla criminalità organizzata – spiega la professoressa Alessandra Dino, docente di Sociologia giuridica e della devianza, coordinatrice del modulo siciliano del master – si parlerà anche di mafia e informazione.

Con l’aiuto di qualificati professionisti, rifletteremo criticamente sui cambiamenti intervenuti nello scenario del crimine, a partire dalle relazioni tra mafie e criminalità dei potenti, inquadrando mafie e corruzione come problemi politici e della politica poiché minano alla base i principi di uguaglianza e di giustizia sociale”.

Alla cattedra si avvicenderanno docenti universitari, magistrati, investigatori, giornalisti. Fra i relatori del modulo di Palermo, Giuseppe Di Chiara, Vincenzo Militello, Michele Prestipino, Roberto Scarpinato, Antonio Balsamo, Alessandro Giuliano, Nando Dalla Chiesa, Umberto Santino, Enrico Bellavia, Salvatore Cusimano. Il giornalista di Repubblica Salvo Palazzolo terrà anche un laboratorio-inchiesta sulle “menti raffinatissime”: con gli studenti del master ripercorrerà gli atti dell’inchiesta sul fallito attentato all’Addaura, per provare a tracciare un identikit degli insospettabili protagonisti di una lunga stagione di misteri a Palermo.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684