Ustica senza pompieri, il sindaco Militello lancia l'allarme - QdS

Ustica senza pompieri, il sindaco Militello lancia l’allarme

redazione

Ustica senza pompieri, il sindaco Militello lancia l’allarme

mercoledì 09 Settembre 2020 - 16:57

Un incendio è divampato ieri sera in contrada Oliastrello, a
Ustica, ma per spegnere le fiamme i vigili del fuoco sono partiti dal porto di
Palermo con la loro imbarcazione. Un disagio che sull’isola si verifica ormai
di frequente, visto che non esiste un posto permanente dei pompieri.

A spegnere le fiamme sono stati gli usticesi, anche perché
non sono intervenuti i vigili del fuoco volontari presenti in zona, al centro
di un braccio di ferro con l’amministrazione centrale per essere stabilizzati.
“Siamo infuriati – ha detto il sindaco Salvo Militello – perché ieri sera è
andata a finire bene. Ma se il fuoco fosse stato più forte avrebbe seriamente
minacciato le abitazioni. Da sindaco non posso stare a guardare e aspettare che
qualche volta qualche incendio provochi vittime. Non esiste un posto fisso
nell’isola, come c’è nelle altre isole e la convenzione con i vigili del fuoco
volontari è scaduta a luglio. Non possiamo aspettare l’arrivo dei pompieri da
mare. L’imbarcazione, con mare calmo, impiega quattro ore. È insostenibile”.

“Presenterò – ha aggiunto il primo cittadino – denuncia
contro ignoti ai Carabinieri. L’incendio è sicuramente doloso e sto valutando
con i miei legali anche azioni nei confronti di chi dovrebbe garantire il
servizio e non lo fa”.

Il sindaco ha poi sottolineato di aver spedito numerose
lettere al Governo e alla Prefettura per denunciare la situazione. “Non ho
ricevuto nessuna risposta – ha detto – davvero una cosa molto grave”.

Il comandante dei vigili del fuoco Agatino Carrolo anche lui
ha scritto ai vertici nazionali. “Ho fatto presente – ha confermato – la
situazione nell’isola di Ustica per chiedere l’istituzione di un posto fisso,
ma la risposta è stata negativa. Comprendo il sindaco. Ha tutte le ragioni
visto che ha l’obbligo di tutelare il territorio. Ieri la sala operativa ha
allertato i volontari dei vigili del fuoco presenti sull’isola ma nessuno ha
risposto. Eppure hanno due mezzi efficienti che possono essere utilizzati in
qualunque momento. Capisco che non c’è obbligo di legge a intervenire, ma c’è
un obbligo morale. Non si può lasciare la popolazione da sola quando scoppia un
incendio”.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684