Comune di Barcellona Pdg a supporto dei commercianti - QdS

Comune di Barcellona Pdg a supporto dei commercianti

redazione

Comune di Barcellona Pdg a supporto dei commercianti

sabato 15 Maggio 2021 - 00:01

Gli organi istituzionali del Comune di Barcellona Pozzo di Gotto hanno promesso interventi concreti per sostenere le attività imprenditoriali, danneggiate dalle conseguenze della pandemia

BARCELLONA POZZO DI GOTTO (ME) – Novità in arrivo per le imprese locali. In Consiglio comunale, infatti, è stata approvata con voto unanime di tutti i presenti la mozione del consigliere Angelita Pino, per impegnare l’Amministrazione comunale ad assumere iniziative in sostegno delle attività commerciali “di vicinato”, fortemente provate non soltanto dalle restrizioni per il contenimento della pandemia di emanazione nazionale, ma anche dall’ulteriore stretta determinatasi con la dichiarazione di zona rossa dall’8 al 22 aprile scorso, a seguito dell’aggravamento del fenomeno pandemico in città.

In particolare, l’obiettivo di questa mozione è valorizzare le attività locali attraverso la realizzazione di una pagina Facebook che serva da vetrina digitale per promuovere ristoranti, bar, palestre, negozi e artigiani, incentivando l’emissione da parte degli esercenti di “buoni shopping” collegati alle spese effettuate all’interno degli esercizi commerciali e la stipula di convenzioni con gli uffici pubblici per consentire alle attività di ristorazione di fornire il pranzo agli impiegati.

Soddisfazione per l’approvazione è stata espressa da Angelita Pino, in quanto, come ha riferito, “da parte dei consiglieri si è sentita forte l’esigenza di dare un segnale tangibile e concreto di vicinanza a quelle che sono le categorie di lavoratori che sono state più colpite dalla crisi pandemica. Una crisi non soltanto drammatica dal punto di vista sanitario, ma anche dal punto di vista sociale ed economico. Questa proposta rappresenta un progetto corale con il coinvolgimento di diversi attori: le istituzioni, la cittadinanza e gli esercenti”.

“Si cercherà di fare anche di più – ha commentato l’assessore comunale al Commercio, Filippo Sottile – per favorire la ripresa del commercio e delle attività economiche, come per esempio concedere maggiore spazio di suolo pubblico, anche oltre quanto previsto dalle norme nazionali, così come già fatto l’anno scorso dall’Amministrazione comunale precedente”.

In attesa che queste iniziative si concretizzino, il Consiglio comunale ha approvato – sempre all’unanimità dei presenti – anche un’altra mozione, presentata questa volta dal consigliere Carmelo Pino, con cui si chiede l’adozione di ulteriori misure di contenimento della diffusione del Covid-19. In particolare, oltre che intensificando i controlli da parte della Polizia municipale e implementando l’erogazione a distanza dei servizi da parte degli uffici comunali, è stato chiesto di rendere obbligatoria per attività commerciali, uffici, agenzie e locali aperti al pubblico l’utilizzo di sistemi eliminacode da adoperare all’esterno, qualora vi siano più di cinque persone in attesa e installando dispenser di igienizzanti in prossimità dei distributori automatici, dei bancomat, delle aree esterne di attività con grande flusso di utenti in cui vi siano pulsantiere, citofoni o maniglie e fuori dai supermercati in prossimità del deposito carrelli.

Questo, come ha sottolineato il consigliere proponente, per evitare “una mera traslazione di assembramenti di clienti-utenti che, anziché all’interno degli esercizi commerciali, si formano oggi al loro esterno” e in considerazione di “un apprezzabile rilevante incremento dell’uso da parte della cittadinanza di servizi di sportelli automatizzati”.

Sul punto l’assessore alla Sanità Rosario Catalfamo, per quanto di sua competenza in materia di prevenzione sanitaria, ha giudicato “auspicabile che anche le attività ancora chiuse possano riaprire al più presto, ovviamente nel rispetto delle regole e dei protocolli previsti già a livello nazionale, perché oltre all’emergenza sanitaria bisogna adesso fare fronte anche alla conseguente emergenza economica. È però necessario che anche da parte dei negozianti vengano fatte rispettare le regole di prevenzione e che si vigili per evitare comportamenti rischiosi”.

Luca Basilio Bucca

Tag:

Potrebbe interessarti anche:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684