Bomba d'acqua a Palermo, due morti, due bimbi in ipotermia - QdS

Bomba d’acqua a Palermo, due morti, due bimbi in ipotermia

redazione web

Bomba d’acqua a Palermo, due morti, due bimbi in ipotermia

mercoledì 15 Luglio 2020 - 19:29

Cittadini costretti a nuotare per non essere travolti dai fiumi in cui si sono trasformate le strade a causa di un "temporale autorigenerante" assolutamente inusuale. "Dolore e rabbia" da parte del governatore Musumeci

Pericolosissime bombe d’acqua sono state registrate in diverse aree della Sicilia.

A Palermo la situazione più drammatica: una valanga d’acqua si è concentrata in alcune zone: “125 millimetri di pioggia in piazza Europa, e oltre ottanta millimetri a Boccadifalco” ha spiegato il meteorologo Edoardo Ferrara.

Le strade sono state trasformate in fiumi e in alcuni sottopassi di viale della Regione siciliana gli automobilisti, intrappolati, sono stati costretti a lasciare le loro vetture e a salvarsi a nuoto.

Due persone morte annegate

E in uno dei sottopassi due persone sono morte annegate all’interno della loro auto, sommersa dall’acqua.

I sommozzatori dei Vigili del fuoco che hanno recuperato i corpi e sono intervenuti anche in via Imera per salvare alcuni automobilisti rimasti intrappolati nelle loro vetture.

In varie zone della città sono state viste automobili trascinate dalla forza delle acque.

Due bimbi ricoverati in ipotermia

In diversi casi i conducenti – come testimoniano i numerosi video pubblicati sui social – si sono tuffati in acqua dalle vetture, a volte portando in braccio i bambini più piccoli, e abbandonando alla loro sorte le auto che l’acqua ha portato via.

Proprio due bambini, il più piccolo di nove mesi, intrappolati nella loro auto con i genitori, sono stati ricoverati in ospedale per ipotermia.

Le forze dell’ordine hanno prelevato coperte e teli termici dagli ospedali per le persone soccorse in strada.

Alberi in strada e auto trascinate dall’acqua

Alberi sono finiti in strada, auto sommerse dall’acqua e dal fango. Alcuni quartieri sono rimasti senza energia elettrica.

La pioggia, iniziata nel primo pomeriggio, è caduta con una considerevole intensità per circa tre ore.

Innumerevoli sono stati gli interventi dei Vigili del fuoco.

Il Comune di Palermo ha protestato per il mancato allarme da parte delle autorità preposte.

Musumeci, dolore e rabbia per vittime

“Dolore e rabbia” sono stati espressi dal presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci, assieme ai “sentimenti di cordoglio, alle famiglie delle vittime innocenti di Palermo”.

“Tragedie come queste – ha affermato il Governatore – debbono farci riflettere sulla necessità di adottare nuove e urgenti strategie di prevenzione e di pianificazione del territorio, specie in quelli devastati da speculazioni selvagge. Ce lo impone il mutamento climatico e la responsabilità del ruolo di chi amministra”.

L’esperto, “temporale autorigenerante”

Secondo Ferrara, metereololo di 3bmeteo.com, quello abbattutosi su Palermo era un “temporale autorigenerante: anziché transitare rapidamente, si continuava ad alimentare in loco, scaricando impressionanti accumuli di pioggia sempre sulle stesse zone”.

L’esperto ha sottolineato come questi eventi siano assolutamente inusuali per il mese di luglio, “solitamente il più stabile dell’anno”.

E i temporali hanno anche fatto “crollare la temperatura sotto i 20 gradi centigradi”.

Maltempo anche a Catania e nel Messinese

Rovesci e temporali di forte intensità, ha sottolineato l’esperto, hanno colpito Catania e provincia, sebbene non paragonabili a quelli di Palermo, con punte di oltre 20-30mm e anche grandinate. Ulteriori focolai temporaleschi prendono altresì vita su Madonie, Nebrodi, messinese tirrenico e nell’ennese.

Palazzotto, “Salvini sciacallo”

E intanto infuriano le polemiche per alcune affermazioni dei leghisti.

Il deputato di Leu Erasmo Palazzotto ha definito “sciacallo” il capo della Lega Nord Matteo Salvini che ha dichiarato “A furia di pensare solo agli immigrati, il sindaco Orlando dimentica i cittadini di Palermo: basta un temporale e la città finisce sott’acqua”.

Palazzotto, in una nota, ha scritto: “Una bomba d’acqua imprevedibile, nessun allarme lanciato dalla Regione Siciliana, danni per migliaia di euro, due i morti, soprattutto. Una tragedia che colpisce Palermo e la sua comunità. E Salvini che fa? Anche a questo giro riesce a mettere in mezzo i migranti. Sciacallo”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684