Caso Morisi, Salvini, "Pensavo di vivere in un Paese libero" - QdS

Caso Morisi, Salvini, “Pensavo di vivere in un Paese libero”

web-iz

Caso Morisi, Salvini, “Pensavo di vivere in un Paese libero”

web-iz |
giovedì 30 Settembre 2021 - 10:44

Dopo lo scandalo che ha coinvolto Luca Morisi, giornali e social pullulano di polemiche. Perché l’atteggiamento di “comprensione” riservato da Matteo Salvini nei confronti del social media manager pare essere molto diverso da quello riservato dallo stesso in circostanze similari o addirittura meno gravi che coinvolgevano altre persone, come avversari politici e immigrati. Sono ben note, infatti, le sue considerazioni sui Gay Pride, sul consumo e sullo spaccio di sostanze stupefacenti. Il leader del Carroccio, tuttavia, si stupisce di quanto stia accadendo.

“Leggo su qualche giornale che Luca Morisi”, indagato per droga, “è anche accusato di essere omosessuale: non sapevo che l’omosessualità di un leghista fosse reato, anzi pensavo di vivere in un Paese libero dove uno può essere omosessuale, eterosessuale, transessuale senza finire sul giornale”. Lo ha affermato il segretario della Lega, Matteo Salvini, ospite di ‘Mattino 5’ su Canale 5.

“Finché campo, da papà – ha poi continuato Salvini -, combatterò lo spaccio di droga sempre e ovunque, gli spacciatori di droga sono venditori di morte e vanno messi in galera, i consumatori fanno del male a loro stessi e vanno aiutati a smetterla di farsi del male. Chi propone di vendere e coltivare la droga in casa è un folle, la droga è morte, non ci sono droghe buone”.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684