Adempimenti, "un maxi-ingorgo drenerà la liquidità alle imprese" - QdS

Adempimenti, “un maxi-ingorgo drenerà la liquidità alle imprese”

redazione

Adempimenti, “un maxi-ingorgo drenerà la liquidità alle imprese”

venerdì 17 Luglio 2020 - 00:00

L’allarme di Confesercenti: “Non spostare le scadenze è stato un grave errore”. “Meglio incassare più tardi anziché causare chiusura indiscriminata”

ROMA – Non spostare le scadenze fiscali è un grave errore: da oggi sino a fine mese c’è un maxi-ingorgo di termini e adempimenti fiscali che va assolutamente evitato.

Anche perché rischia di drenare la liquidità di tantissimi imprenditori, già messa a dura prova dalle difficoltà sorte per effetto dei provvedimenti restrittivi alle libertà personali ed alle attività produttive e commerciali imposte per arginare l’espandersi dell’epidemia da Covid-19. Lo sottolinea Confesercenti.

Il combinato dei prelievi fiscali rimandati nel periodo del lockdown, di quelli ordinari che dovrebbero essere rimandati ora relativi alla dichiarazione dei redditi, di quelli straordinari in scadenza a settembre e i versamenti relativi al II acconto delle imposte sui redditi e dell’Imu, potrebbero scatenare la tempesta perfetta sulle imprese, con grave rischio soprattutto per le attività piccole e medie. Una situazione che potrebbe portare molti contribuenti a non essere in grado di rispettare le scadenze.

La soluzione corretta, secondo Confesercenti, sarebbe far slittare i versamenti relativi alle dichiarazioni dei redditi almeno fino alla fine di ottobre, per evitare un altro ingorgo che si profila con la scadenza del 30 settembre, e, soprattutto, la possibilità di rateizzare i versamenti per un congruo periodo di tempo, anche oltre la fine del corrente anno fiscale.
Gli eventi eccezionali di quest’anno dovrebbero infatti indurre il Governo a superare la sacralità della scadenza del 31 dicembre imposta per esigenze di bilancio pubblico e concedere la possibilità di rateizzare le prossime scadenze con pagamenti anche oltre la fine dell’anno per evitare che tante imprese rischino la chiusura definitiva: riteniamo che sia più lungimirante incassare un po’ più tardi, ma incassare, anziché causare una chiusura indiscriminata di tante piccole realtà imprenditoriali.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001