Formazione, si chiude con il passato: soldi a quasi 4.400 lavoratori - QdS

Formazione, si chiude con il passato: soldi a quasi 4.400 lavoratori

Michele Giuliano

Formazione, si chiude con il passato: soldi a quasi 4.400 lavoratori

giovedì 17 Settembre 2020 - 00:00
Formazione, si chiude con il passato: soldi a quasi 4.400 lavoratori

La Regione accelera sui fondi di garanzia del 2012: decreto di pagamento delle ultime tranche. Si completa il lavoro dell’ufficio speciale per la rendicontazione degli anni pregressi

PALERMO – “Appena” 8 anni dopo, è stata finalmente predisposta la liquidazione della quota spettante alla Regione del sostegno al reddito dovuto ai lavoratori della formazione professionale per l’anno 2012. Quasi 4 milioni di euro, a carico del Fondo di Garanzia, per 4.273 dipendenti degli enti di formazione. Ancora, è prevista la spesa di 45 mila euro per 61 dipendenti degli enti regionali di formazione, e quasi 44 mila per 50 eredi di dipendenti ormai deceduti.

Un capitolo che finalmente si chiude, dopo l’ultimo pagamento di una quota del debito a carico della Regione, risalente al dicembre 2019. Dopo diversi anni, infatti, è stato deciso dalla magistratura che i debiti relativi al Fondo di Garanzia non potevano essere dimenticati, e che questo andava rimpinguato per recuperare i pagamenti lasciati indietro per gli anni 2012, 2014 e 2015.

Pagamenti di cifre non elevate, ma che in questo momento di emergenza possono essere utili. In quegli anni diversi lavoratori hanno potuto avere accesso ad ammortizzatori sociali, e la Regione avrebbe dovuto integrare con la quota del 20% tali somme, ma in molti casi non è stato fatto o almeno non è stato fatto per intero.

Ultima cifra messa a disposizione, 15 milioni di euro, e diversi decreti emessi con i mandati di pagamento a favore dei singoli lavoratori, divisi per ente di appartenenza, per un totale di circa 2 mila individui.

Per velocizzare le operazioni, all’inizio del 2019 è stato istituito allo scopo l’Ufficio Speciale per la chiusura e liquidazione degli interventi a valere sul piano dell’offerta formativa, anni 1987-2011, e sull’obbligo di istruzione e formazione, anni 2008-2013 con sportello temporaneo e incarico triennale.

Nello stesso periodo, l’assessorato regionale dell’Istruzione e della Formazione professionale ha chiesto l’assegnazione all’Ufficio speciale dei capitoli di spesa relativi al Prof, il vecchio piano dell’offerta formativa, del capitolo relativo al Fondo di Garanzia e dei capitoli per gli impegni assunti negli esercizi finanziari dal 2008 al 2013, in modo di poter passare all’atto pratico e cominciare a distribuire i fondi agli aventi diritto. Perché non basta emettere i decreti, più importante è avere i soldi a disposizione per poter agire e dare ai lavoratori quanto dovuto.

Il Fondo di Garanzia è un istituto previsto dalla legge regionale a supporto integrativo della cassa integrazione che è stata applicata dalla Legge nazionale fino al 31 dicembre 2015. In particolare, la legge regionale del 7 giugno 2011, n. 10, prevede che gli interventi a carico del Fondo sono disposti “in favore dei dipendenti degli enti di formazione professionale con contratto a tempo indeterminato, nonché del personale impegnato nei servizi di orientamento, dell’obbligo di istruzione e formazione e degli sportelli multifunzionali”.

Le erogazioni disposte raggiungono l’aliquota massima erogabile del 20% in relazione a quanto pagato dagli interventi di sostegno al reddito disposti dall’Inps a titolo di Cigd (cassa integrazione in deroga) nei confronti dei beneficiari.

Il decreto di questi giorni riguarda in particolare l’anno 2012, per il quale i beneficiari dell’intervento hanno ricevuto una somma integrativa inferiore a quella prevista, pari al 7,59% di integrazione rispetto al massimo concedibile del 20%, erogata nel 2013.

Lo scorso dicembre, poco prima delle festività natalizie, sempre dal fondo di garanzia erano stati emessi pagamenti ai lavoratori che hanno usufruito degli ammortizzatori sociali nell’anno 2015.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684