Covid, Oms: "Altre 19 varianti attualmente in corso d'indagine" - QdS

Covid, Oms: “Altre 19 varianti attualmente in corso d’indagine”

web-dr

Covid, Oms: “Altre 19 varianti attualmente in corso d’indagine”

web-dr |
mercoledì 21 Aprile 2021 - 16:35

L'Oms fa il punto: "Il virus muta ed è normale che ci sia un certo numero di varianti, ma il possibile emergere di mutanti più pericolosi introduce ulteriori incognite"

Oltre alle 3 varianti di coronavirus che destano preoccupazione – inglese, sudafricana e brasiliana – finora sono state “6 le varianti designate come di interesse (Voi) e altre 19 sono attualmente in corso di indagine“, sotto osservazione.

A fare il punto è l’Organizzazione mondiale della sanità, in un focus del suo aggiornamento settimanale sul Covid.

Soprattutto “finché l’incidenza globale rimane elevata” con il contagio che continua a correre, avverte l’Oms, “per i prossimi mesi continua ad esserci il rischio di comparsa di più varianti con implicazioni fenotipiche”.

Alcune di quelle già presenti, riepiloga l’ente, “sono state associate a una maggiore gravità della malattia (quella inglese e quella sudafricana), aumento del rischio di fuga immunitaria (sudafricana e brasiliana) e di riduzioni della neutralizzazione (sudafricana e brasiliana) da parte dei sieri di convalescenti o vaccinati rispetto al virus originario, suggerendo un rischio aumentato di reinfezione o di fallimento del vaccino”.

Le tre varianti continuano a diffondersi. Dall’ultimo aggiornamento, quella inglese è stata rilevata in altri 5 Paesi per un totale di oltre 137 Paesi che l’hanno osservata sui loro territori al 20 aprile, anche quella sudafricana in altri 5 per un totale di 85 Paesi, mentre la variante brasiliana è comparsa in altri 2 Paesi per un totale di 52 che l’hanno segnalata finora. Il virus muta ed è normale che ci sia un certo numero di varianti che finiscono sotto osservazione, ma il possibile emergere di mutanti più pericolosi, fa notare l’Oms, “introduce ulteriori incognite come il potenziale di fuga immunitaria e il modo in cui questi cambiamenti nel virus possono influenzare l’epidemiologia globale”. (Adnkronos)

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684