Stop della burocrazia per il progetto della spiaggia per cani a Palermo - QdS

Stop della burocrazia per il progetto della spiaggia per cani a Palermo

redazione

Stop della burocrazia per il progetto della spiaggia per cani a Palermo

giovedì 23 Luglio 2020 - 00:00

PALERMO – Una spiaggia per cani, la prima a Palermo, in cui far lavorare persone condannate a pene lievi per favorirne l’impiego in attività di utilità sociale. è l’idea di un gruppo di cittadini che da due anni combattono con la burocrazia comunale e regionale per realizzare un progetto dai tanti risvolti. L’idea è piaciuta alla Lega del cane di Palermo che già gestisce il canile della Favorita e che ha stipulato una convenzione con il Tribunale di Palermo e l’Uepe, Ufficio esecuzione penale esterna, che prevede proprio l’impiego volontario di condannati a pene lievi in attività di utilità sociali alternative alla pena. Il progetto sarebbe una boccata d’ossigeno per i tanti proprietari di cani della città che rischiano multe salate se portano i loro animali in spiaggia.

L’idea sembrava avviata verso una conclusione positiva, finchè non ci si è messa in mezzo la burocrazia. Il tavolo tecnico convocato dal Comune attraverso un pool di esperti, tecnici, addestratori, amministratori comunali, aveva pensato a una soluzione. L’idea era sfruttare un’area libera, prima gestita dall’Aeronautica, che si trova nella zona dell’Addaura. Lo spazio sarebbe stato destinato per 30-40 giorni ai cani e ai loro padroni senza esborsi da parte del Comune. A montare le strutture rimovibili necessarie, a pulire la zona e a curarsi della manutenzione sarebbero stati i volontari. A carico dell’amministrazione ci sarebbe stato solo il costo dell’utenza relativa al consumo dell’acqua. L’area inoltre sarebbe stata usata allo scopo solo per alcune ore al giorno e volontari avrebbero curato la pulizia dello spazio. Un’idea già realizzata in altre città siciliane come Messina e Catania ora ferma all’assessorato regionale al Territorio. Dalla Regione infatti è arrivato il no all’uso del tratto di costa individuato e il suggerimento a cambiare zona. Peccato che nelle aree indicate ci sia il divieto di balneazione.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684