Usura, vittima denuncia, due arresti nel messinese - QdS

Usura, vittima denuncia, due arresti nel messinese

redazione

Usura, vittima denuncia, due arresti nel messinese

giovedì 14 Novembre 2019 - 10:02

Due arresti con l’accusa di usura nel messinese.

I Carabinieri su disposizione della Procura della Repubblica di Patti hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di Fortunato Calabrò, 42 anni, di Brolo e una agli arresti domiciliari a carico di Franco Chiaia, 53 anni, di Messina, emessa dal Gip del Tribunale di Patti Ugo Molina, su richiesta del pm Giorgia Orlando.

Sono ritenuti responsabile di usura pluriaggravata in concorso, e per il solo Calabrò, anche di estorsione, lesioni personali e rapina.

A denunciarli è stato un imprenditore impegnato nel commercio di calzature all’ingrosso a Brolo che nel 2016 si era rivolto a loro per chiudere un prestito di 50 mila euro per sanare i debiti contratti con le banche. Il tasso di interesse che gli era stato applicato era del 13% mensile, pari a 6500 euro al mese.

Ripianati i debiti con gli istituti di credito, il commerciante nel giro di otto mesi non è più riuscito a pagare gli interessi. Sarebbero iniziati così una serie di saccheggio all’interno del negozio da parte di Calabrò.

In una occasione si sarebbe impossessato di calzature e capi d’abbigliamento per oltre trentamila euro di merce, mentre in un altro caso avrebbe preteso dal commerciante che cedesse 260 paia di scarpe ad un commerciante di Messina per intascare poi lui stesso seimila euro quale guadagno della vendita.

Alle continue richieste di denaro sarebbero seguiti minacce, ingiurie, pedinamenti, danneggiamenti all’auto e aggressioni fisiche. Vittima di Calabrò sarebbe anche un altro commerciante che, tra la fine del 2018 e i primi mesi del 2019, avrebbe un assegno post datato, facendosi consegnare a titolo di garanzia della solvibilità del titolo una lavatrice e denaro contante.

A seguito di una ulteriore richiesta di centomila euro quale ristoro del debito, il commerciante aveva persino pensato di vendere la propria abitazione e come ultima ratio di togliersi la vita.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684