Viaggi nel Regno Unito, da ottobre serve il passaporto, cosa cambia dopo la Brexit - QdS

Viaggi nel Regno Unito, da ottobre serve il passaporto, cosa cambia dopo la Brexit

Web-mp

Viaggi nel Regno Unito, da ottobre serve il passaporto, cosa cambia dopo la Brexit

Web-mp |
venerdì 01 Ottobre 2021 - 09:15

Ecco le regole sui viaggi in Gran Bretagna, e anche quelle sul covid che cambieranno a partire dal 4 ottobre. L'obbligo del passaporto comincia da oggi, ma ci sono delle eccezioni

A partire da oggi i cittadini europei e svizzeri “avranno bisogno di un passaporto per entrare nel Regno Unito” e non potranno più usare la carta d’identità, che non sarà più riconosciuta come documento di viaggio. Lo ha annunciato il ministero dell’Interno britannico, sottolineando in una nota che “lo scorso anno quasi la metà di tutti i documenti falsi scoperti alla frontiera erano carte d’identità”.

Sul sito del governo britannico sono segnalati tutti i dettagli della nuova normativa in materia di spostamenti verso l’isola: entrare in UK se sei cittadino europeo, svizzeri o di un Paese dello Spazio economico europeo.

Chi deve e quando bisogna esibire il passaporto?

Tutti coloro che vanno nel Regno Unito per un viaggio di piacere, di visita a familiari o amici, e vogliono rimanere fino a un massimo di 6 mesi.

E’ possibile mostrare solo la carta di identità solo se si rientra nelle categorie: se hai ricevuto il Settled Status, il permesso di soggiorno permanente cui ha diritto chi risiede continuativamente in Uk da 5 anni o più, oppure il Pre-Settled Status, un permesso temporaneo finalizzato a raggiungere i 5 anni minimi necessari per acquisire il Settled Status (EU Settlement Scheme); se hai fatto domanda per il Pre-Settled o Settled Status ma ancora non hai ricevuto il certificato; se hai un permesso di soggiorno familiare, EU Settlement Scheme family permit, che ti consente di andare e venire, studiare e lavorare in Regno Unito entro i 6 mesi di validità del permesso; se hai un permesso lavorativo di frontiera, che ti permette di lavorare un Uk ma vivere in un altro Paese; se hai nazionalità svizzera e possiedi un permesso speciale dedicato a chi lavora per un’azienda che fa base in Svizzera; se hai ricevuto il permesso di S2 Healthcare Visitor, cioè sei stato autorizzato a ricevere cure sanitarie specialistiche che rientrano nella categoria “S2 arrangement” o accompagni una persona che rientra in questa categoria.

Sono previste eccezioni all’obbligo di passaporto per i cittadini europei o svizzeri con status di residenti nel Regno Unito, che potranno continuare a usare la carta d’identità fino al 31 dicembre 2025.

Devo andare nel Regno Unito per un periodo di studio, mi serve il passaporto?

Sì, a meno di non avere già l’EU Settlement Scheme family permit. In ogni caso, è preferibile munirsi di passaporto valido e chiedere informazioni specifiche all’ufficio di competenza.

Oltre a esibire il passaporto, ho bisogno del permesso di soggiorno per entrare in Gran Bretagna?

Potresti aver bisogno di un permesso di soggiorno standard (Standard Visitor visa) che dipende dall’attività che si andrà a svolgere nel Regno Unito e dalla durata della permanenza: Standard Visitor visa.

Posso andare in Irlanda del Nord, Scozia o Galles utilizzando la carta d’identità?

No, non è necessario possedere il passaporto se ti rechi in Irlanda del Nord, Scozia e Galles perché rientrano nel territorio del Regno Unito, quindi sono valide le stesse regole applicate per l’Inghilterra. Salvo i casi elencati, per tutti gli altri è bene munirsi di passaporto valido in previsione del viaggio in Gran Bretagna, così da non incorrere in spiacevoli disguidi una volta arrivati al controllo di frontiera.

Dopo il 4 ottobre, si alleggeriscono le regole Anti Covid-19

A partire dal 4 ottobre 2021, le regole Covid per entrare in Regno Unito cambieranno e saranno collegate alla vaccinazione. Nello specifico, coloro che hanno completato il ciclo di vaccinazione in Italia (o in un paese europeo, USA e programma Uk per l’estero) entro 14 giorni prima della partenza per la Gran Brategna, saranno considerati vaccinati anche in Gran Bretagna e non sarà più necessario effettuare tamponi pre e post arrivo in Uk né rispettare la quarantena.

Se hai finito il ciclo di vaccinazione entro 14 giorni dalla partenza per il Regno Unito, devi avere con te un documento in cui siano esplicitati: nome e cognome; data di nascita; tipo di vaccino fatto; data di ogni dose di vaccino; paese dove hai ricevuto il vaccino e nome dell’ente che ha emesso la certificazione di vaccinazione avvenuta.

Se non rientri nella qualifica di completamente vaccinato (ovvero hai ricevuto solo una dose, non sono passati 14 giorni dal completamento del ciclo vaccinale o non sei vaccinato affatto), dovrai seguire le regole Covid attulamente in vigore anche dopo il 4 ottobre 2021.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684