Comuni: il sindacato Snalc, 65 capoluoghi a rischio default - QdS

Comuni: il sindacato Snalc, 65 capoluoghi a rischio default

redazione

Comuni: il sindacato Snalc, 65 capoluoghi a rischio default

domenica 26 Maggio 2019 - 08:16
Comuni: il sindacato Snalc, 65 capoluoghi a rischio default

La segreteria nazionale autonoma dei lavoratori comunali chiede un immediato intervento del Governo. Recepire la risoluzione trasmessa dal Consiglio di Presidenza della Corte dei conti

Sessantacinque capoluoghi di provincia in regime attuale di predissesto, sono a rischio default.

L’unica via di uscita è recepire la risoluzione trasmessa dal Consiglio di Presidenza della Corte dei conti a fine marzo e trasformarla in decreto legge.

Lo afferma la Snalc, segreteria Nazionale Autonoma Lavoratori Comuni.

Secondo il sindacato non basta intervenire sugli effetti della recente sentenza della Corte Costituzionale che, decretando l’illegittimità della norma che spalmava i debiti a 30 anni, ha creato difficoltà soprattutto alle città metropolitane.

La vera questione richiamata puntualmente dal Consiglio di Presidenza della magistratura contabile, è quella dei flussi finanziari in entrata.

“Tanti comuni, moltissimi – ricorda Paolo de Virgilio, segretario dello Snalc – non riescono a incassare tributi e pregressi, specialmente al centrosud, perché la situazione economica generale e la tendenza spiccata a eludere le tasse comunali, porta a non avere flussi finanziari reali in entrata. Il viceministro Castelli aveva promesso e annunciato un decreto legge che, però, ancora non si vede”.

Il sindacato ricorda che in dodici anni i Comuni hanno visto, insieme agli altri enti locali, ridursi di ben cinquanta miliardi di euro le entrate da parte dello Stato.

Sono a rischio, escludendo le città metropolitane, tre miliardi di euro di esigibilità per le imprese e 1.600 posti di lavoro a tempo determinato per il personale che decadrebbe in caso di dissesto.
“Il Governo non deve perdere più tempo – sottolinea il sindacato – attuando un provvedimento a costo zero, anche in considerazione del fatto che i residui di bilancio sono ancora esigibili, essendo stata dilatata la prescrizione attraverso le ingiunzioni di pagamento”.

“Gran parte dei Comuni – conclude la nota dello Snalc – paga le gestioni iniziate nel 1993, con la riforma dell’elezione dei Sindaci, che hanno prodotto in un decennio gli attuali debiti. È indispensabile il Governo eviti che la situazione degeneri”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684