Musumeci si dimette e divide la politica siciliana: reazioni e scenari - QdS

Le dimissioni di Musumeci, le reazioni della politica e la sfida delle Regionali

web-sr

Le dimissioni di Musumeci, le reazioni della politica e la sfida delle Regionali

Salvatore Rocca  |
giovedì 04 Agosto 2022 - 21:28

Il governatore della Regione Siciliana annuncia le proprie dimissioni e si moltiplicano le reazioni della politica locale (e non). Cosa accadrà da oggi fino al 25 settembre?

Alea iacta est o, se preferite, il dado è tratto. Alla fine, dopo settimane di lunghi tira e molla, il governatore della Regione Siciliana, Nello Musumeci, ha comunicato ufficialmente le proprie dimissioni.

L’annuncio è arrivato nel tardo pomeriggio di giovedì 4 agosto, dopo più di 24 ore nel corso delle quali si sono ricorse innumerevoli voci sulla sua possibile rinuncia alla carica di “numero uno” del Governo regionale.

Una escalation di indiscrezioni amplificata dalle parole rilasciate mercoledì 3 agosto dal presidente dell’Assemblea regionale siciliana, Gianfranco Miccichè.

Il coordinatore regionale di Forza Italia in Sicilia, in occasione della Cerimonia del Ventaglio, aveva anticipato la notizia dell’addio di Musumeci alla poltrona di Palazzo d’Orleans entro venerdì 5 agosto. Timing confermato.

Musumeci si ricandida? Solo se…

Non c’è nessun motivo politico alla fonte di questa decisione. Sono quasi tutte ragioni di ordine tecnico e procedurale dettate dal buonsenso”, ha chiarito il governatore nel suo videomessaggio pubblicato sui propri canali social.

Musumeci nel suo intervento ha poi confermato la propria volontà a ricandidarsi in previsione di un secondo mandato, nonostante i malumori di una parte di coalizione che non lo vorrebbe rivedere nuovamente a capo della Regione.

La discussione all’interno del Centrodestra

Lo stesso governatore ha poi sottolineato di essere comunque disponibile a compiere l’ormai famoso ‘passo di lato’ se il suo nome dovesse ancora risultare sgradito alla coalizione di Centrodestra.

“Qualcuno all’interno della coalizione dice che io abbia un brutto carattere, che sia molto rigoroso e antipatico e che, quindi, sono divisivo”, ha ironizzato.

La ricandidatura ci sarà, dunque? Palla adesso al Centrodestra che spera di riunirsi sotto un profilo unico e di ripetere gli stessi scenari vissuti nel recente passato in occasione delle Amministrative palermitane con l’indicazione (vincente) di Roberto Lagalla come candidato sindaco.

Al momento, uno dei nomi finiti sotto la lente d’ingrandimento della coalizione è quello della forzista Stefania Prestigiacomo, sponsorizzata da Miccichè. Tuttavia, la Lega ha già posto il proprio veto sulla candidatura.

Regionali, gli altri (possibili) sfidanti di Musumeci

Da altre parti, intanto, continua a farsi strada l’antagonista Cateno De Luca che da mesi ha lanciato la sua campagna elettorale per la “conquista” della Sicilia.

Parteciperà alla sfida anche il Centrosinistra, che punta tutte le proprie fiches sul nome di Caterina Chinnici, vincitrice delle recenti Primarie del campo progressista.

Giorgia Meloni: “Decisione di Musumeci è amore per la Sicilia”

Immediate le reazioni del mondo della politica – siciliana e non – a seguito dell’ufficialità delle dimissioni di Musumeci. Tra i primi commenti quello di Giorgia Meloni, leader di Fratelli d’Italia, che da mesi sostiene la possibile ricandidatura alla Regione Siciliana.

“La scelta di Nello Musumeci di far votare per le Regionali insieme alle elezioni Politiche è di grande buon senso e lodevole spirito istituzionale“, sottolinea la fondatrice del partito.

“Consente un notevole risparmio di denaro pubblico, che potrà meglio essere utilizzato ed evita ai siciliani due campagne elettorali nel giro di tre mesi, con prevedibile aumento di astensioni e doppia chiusura delle scuole”.

“Quella di Musumeci è una decisione che dimostra ancora una volta il suo amore per la Sicilia e anche per questo merita la fiducia dei siciliani”, ha concluso Giorgia Meloni.

Salvini: “Musumeci si dimette? Lega ha candidati fortissimi”

Non manca il pensiero di Matteo Salvini, in visita in queste ore a Lampedusa per visitare l’hotspot di contrada Imbriacola: “Musumeci ha annunciato le dimissioni da governatore? Noi siamo pronti, prontissimi. Da qui al 25 settembre mi vedrete spesso in Sicilia. Abbiamo liste e candidati fortissimi“.

Cancelleri: “Musumeci si dimette dopo i danni fatti”

Critico il sottosegretario alle Infrastrutture e i Trasporti Giancarlo Cancelleri (Movimento 5 Stelle): “Musumeci si è dimesso! L’ha fatto adesso, ora che ormai i danni sono stati fatti, ora che è più comodo così, per lui, i suoi amici e tutto il Centrodestra. Soprattutto l’ha fatto non rispettando per l’ennesima e ultima volta il Parlamento”.

Cuffaro: “Coalizione trovi candidatura nella quale riconoscersi”

“La classe dirigente della coalizione di Centrodestra adesso è chiamata al senso di responsabilità, occorre lavorare per trovare una candidatura nella quale tutta la coalizione possa riconoscersi e con la quale potere affrontare una campagna elettorale da un lato”, commenta Totò Cuffaro, commissario regionale della Democrazia cristiana nuova.

Un’impegno “difficile anche perché la gente dovrà esprimere più voti, per la Camera, il Senato e la Regione, e dall’altro, complicata perché la ricerca del consenso e l’illustrazione del programma del candidato alla Presidenza della Regione, in cui i partiti dovranno riconoscersi, avverrà in un clima torrido, con i siciliani in vacanza e per di più sfiduciati dalla politica. Bisogna fare presto e bene”.

Tag:

Articoli correlati

2 commenti

  1. Fedele ha detto:

    Ci sembra un soggetto poco affidabile costui, peraltro pare senza ne’ arte né parte, incapace di governare la Sicilia.
    Se ha dignità, scappi dalla politica politicante, e imiti i suoi omologhi tedeschi, inglesi etc.
    Costoro nostrani (si fa per dire), si cerchino un lavoro dignitoso, e non la politica deludente a vita.

  2. Fedele ha detto:

    Era ora che finalmente questo individuo andasse via dal governo della Sicilia, caduta più in basso delle precedenti gestioni, con processi e galere.
    D’altronde non ha un mestiere, e vuole fare il politico a vita per visibilità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684